Politica / Regione

Commenta Stampa

Edificio per edificio per prevenire i rischi

Terremoti, a Pompei la prima mappatura informatica


.

Terremoti, a Pompei la prima mappatura informatica
24/04/2009, 14:04

E' Pompei la prima città italiana ad avere una mappa informatica (ribattezzata 'documento genetico') per ognuno dei propri 7.500 edifici, grazie ad un progetto pilota realizzato dal Centro di Competenza regionale Benecon (Beni culturali, ecologia, economia) e dalla II Università di Napoli, in collaborazione con il Comune, che ha suscitato anche l'interesse del Massachusetts Institute of Technology di Boston. Una mappa preziosa per prevenire i rischi legati alla tenuta dei fabbricati, in caso di terremoto o di altre calamità naturali. "Il 'Documento genetico', come lo abbiamo definito - spiega il prof. Carmine Gambardella, vice sindaco di Pompei e direttore del Benecon -  integra per la prima volta i vari elementi di un fabbricato, dalle indicazioni toponomastiche e catastali, alla sicurezza sismica, alla qualità dei materiali fino ai consumi energetici, integrandoli in un sistema informativo e realizzando così una vera e propria mappa territoriale informatica. Insomma una rivoluzione rispetto al 'fascicolo del fabbricato' al quale mancava questa integrazione di dati, sia per quanto riguarda il singolo edificio che per l'intero territorio". I risultati di questo studio fanno parte della mostra 'Pompei 0079-2013' che si inaugura domani.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©