Politica / Parlamento

Commenta Stampa

TERREMOTO MOLISE: POCHI FONDI, 13 SINDACI SI DIMETTONO


TERREMOTO MOLISE: POCHI FONDI, 13 SINDACI SI DIMETTONO
31/12/2008, 11:12

I sindaci di 13 comuni terremotati molisani si sono dimessi questa mattina. Un gesto contro il Governo e il Parlamento, per protestare contro la mancanza di risorse per completare la ricostruzione e finanziare l’abbattimento dei tributi e contributi sospesi dal 2002 al 2008. Per la ricostruzione nelle zone disastrate del Molise e della Puglia sono stati stanziati circa 700 milioni di euro, ma per far rientrare tutti i senza tetto nelle abitazioni ne servirebbero, secondo i primi cittadini, almeno altri 200 milioni.
“Poi - ha detto il sindaco di S. Giuliano di Puglia, Luigi Barbieri – l’altra grande questione della restituzione dei tributi e contributi. Chiediamo lo stesso trattamento di Umbria e Marche, ovvero l’abbattimento degli importi e la dilazione pluriennale della restante quota. Invece - ha concluso - da Roma non abbiamo alcuna risposta”. In mattinata i primi cittadini arriveranno alla prefettura di Campobasso, per riconsegnare simbolicamente la fascia tricolore, mentre per domani è prevista una riunione a S. Giuliano di Puglia (Campobasso), per decidere “altre clamorose forme di protesta unitamente ai cittadini”.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©