Politica / Regione

Commenta Stampa

Diodato e Muro con i finiani, protesta Rivellini

Terremoto nel PdL, è fuga di massa: consiglieri passano a Fli

Spaccatura in vista delle comunali: Lettieri perde consensi?

.

Terremoto nel PdL, è fuga di massa: consiglieri passano a Fli
05/04/2011, 13:04

NAPOLI – A pochi giorni dalla tornata elettorale per Palazzo San Giacomo, il Pdl perde pedine importanti sullo scacchiere politico: sono in ottanta su scala nazionale a lasciare il partito di Berlusconi e a passare nelle fila di Futuro e Libertà, molti dei quali concentrate in Campania. Cambi di casacca che in queste ore scatenano una diatriba interna all’entourage finiana. Il salto di dell’ex consigliere regionale Pietro Diodato, e del deputato Luigi Muro, nello schieramento del presidente della Camera, studiata ad arte per assicurarsi adeguate sistemazioni alle prossime elezioni, ha mandato su tutte le furie il coordinatore regionale del partito Enzo Rivellini, il quale dichiara che di fatto le carte in tavola sono state cambiate in corsa come in una sorta di commissariamento. Passano dall’altra parte della barricata anche Andrea Santoro e Raffaele Ambrosino, artefici del passo falso nelle dimissioni atte a far cadere il sindaco Rosa Russo Iervolino. Le scintille che accendono le polveri sparse dal parlamentare Italo Bocchino rischiano così di far implodere a livello locale Futuro e Libertà: si allontana infatti il passaggio del presidente della Prima Municipalità, Fabio Chiosi, nel partito di Fini, mentre Stanislao Lanzotti prende le distanze dai protagonisti della fuga di massa dal PdL .

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©