Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Tirrenia, interrogazione urgente Rivellini alla Commissione

Rivellini ha diffuso la seguente nota

Tirrenia, interrogazione urgente Rivellini alla Commissione
19/06/2013, 11:21

L’eurodeputato Enzo Rivellini (Pdl/Ppe) ha diffuso la seguente nota: «Ho presentato un’interrogazione urgente alla Commissione Europea affinché venga assicurato il massimo impegno istituzionale comunitario a garanzia dei lavoratori e dei livelli occupazionali della Tirrenia. A seguito, infatti, del vertice del 18 giugno 2013, tra il presidente della Regione Sardegna, Ugo Cappellacci, e il Commissario europeo per la concorrenza, Joaquin Almunia, relativo alle attività della Saremar ed in particolare lo scontro con la Tirrenia, sottolineo che la messa in discussione della vivibilità della Tirrenia, azienda che oggi dà da vivere a 1500 lavoratori del mare, questi tutti meridionali, non può essere effettuata. La Tirrenia occupa 1500 lavoratori, oltre l’indotto, 300 di essi amministrativi, ubicati a Rione Sirignano a Napoli ed i restanti 1200 del meridione d’Italia e di questi circa  il 70% appartenente al territorio campano. La Regione Sardegna non può chiedere il blocco immediato degli aumenti delle tariffe e la revisione della Convenzione con lo Stato italiano che fino al 2020 riconosce alla Tirrenia 72,6 milioni di euro all’anno per garantire la continuità territoriale con servizi di trasporto marittimo che altrimenti non sarebbero economicamente sostenibili. Così facendo la Regione Sardegna prenderebbe in ostaggio i 1500 lavoratori della Tirrenia ed il territorio campano da dove provengono questi lavoratori. Già nel 2011, la Regione Sardegna ha messo in discussione il lavoro della Tirrenia, contravvenendo alle azioni adottate dallo Stato italiano  e sovrapponendo alle rotte coperte, per convenzione con la Tirrenia, due navi della "Flotta Sarda",  che nel giro di una sola estate hanno avuto un deficit di circa dieci milioni di euro, deficit passato in sordina, rispetto alle restrittive leggi in materia di bilancio, approfittando della autonomia statutaria della Regione sarda, soldi, comunque che escono dalle tasche di tutti gli italiani. Inoltre, sottolineo che le politiche tariffarie della Tirrenia praticate per i collegamenti da e per la Sardegna sono pienamente conformi al regime convenzionale in essere, costantemente vigilato dalle competenti autorità».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©