Politica / Regione

Commenta Stampa

Topo (Pd) a Sommese: Riforma del personale, solo occasione mancata


Topo (Pd) a Sommese: Riforma del personale, solo occasione mancata
10/10/2013, 15:14

NAPOLI - “Non capisco quali meriti vuole attribuirsi l’assessore Sommese sull’attuazione della riforma dell’ordinamento amministrativo.La Giuntaha varato il regolamento relativo all’ordinamento il 15 dicembre del 2011. Hanno impiegato quasi due anni dunque solo per nominare i direttori generali, dopo tantissime proroghe delle funzioni dirigenziali. E, nelle more, abbiamo avuto anche 5 capi dipartimenti, con relativo aggravio di spesa per il pagamento del loro ingente stipendio, senza una struttura sott’ordinata e senza neppure svolgere le funzioni per le quali erano stati chiamati. Altro che propaganda. La riforma attuata da Sommese è solo l’ennesima occasione sprecata”.
Così il capogruppo regionale del Pd, Raffaele Topo, replica all’Assessore Pasquale Sommese.
“Bastano due esempi – afferma Topo – relativi alla riduzione del personale e al principio di rotazione per dimostrarlo. Quando l’assessore Sommese dice che in tre anni il personale di ruolo si è ridotto di 1168 unità si dimentica di spiegare che la gran parte di essi sono semplicemente andati in pensione. La riduzione del personale -continua il capogruppo del Pd - non è dovuta quindi alla bontà della riforma ma ad un naturale esodo fisiologico per anzianità. Senza aggiungere l’utilizzo di risorse esterne per la macrostruttura presidenziale, a proposito di spending review”.
“Sul principio di rotazione - fa notare Topo - non solo è stato applicato con le “deroghe”, ma  ci preme sottolineare un caso di “rotazione” molto singolare: la nomina del Direttore generale delle Attività Produttive. Il suddetto direttore, infatti, è Sindaco di Monte di Procida ed è stato eletto Presidente dell’Anci Campania. Si troverà, da direttore generale per le attività produttive ad essere interlocutore di se stesso nella qualità di Presidente Anci su  importanti materie legate alle politiche di sviluppo”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©