Politica / Parlamento

Commenta Stampa

TORNA LA POLEMICA SUL VENTENNIO


TORNA LA POLEMICA SUL VENTENNIO
09/09/2008, 09:09

Uno scontro istituzionale. Giorgio Napolitano a Porta San Paolo onora la memoria dei caduti di Roma per la Resistenza, ma da quello stesso palco il ministro della Difesa Ignazio La Russa sceglie di rendere omaggio anche ai soldati della Repubblica di Salò.

Il tutto mentre Gianni Alemanno, con le parole su fascismo e leggi razziali, fa infuriare Walter Veltroni che lascia il comitato del museo Shoah.


“Farei un torto alla mia coscienza - diceva La Russa - se non ricordassi che altri militari in divisa, come quelli della Nembo dell'esercito della Rsi, soggettivamente, dal loro punto di vista, combatterono credendo nella difesa della Patria”. Parole in contrasto con quelle pronunciate dal Capo dello Stato, che ha spesso invitato a tenere distinte responsabilità oggettive e necessaria pacificazione nazionale (il 25 Aprile, a Cefalonia) ricordando la fondamentale partecipazione dei militari alla Liberazione. Giorgio Napolitano contraddice il ministro della Difesa, chiedendo di ricordare la Resistenza “nella sua interezza”.

Intanto la sinistra dice no ai revisionismi storici, Pdci e Prc arrivano a chiedere le dimissioni di La Russa, per la comunità ebraica si approfondisce il solco tra fascisti ed antifascisti, per Anpi e Arci si sovverte la storia. 
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©

Correlati