Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Confermati i manager, cambiati i presidenti

Tremonti conferma in parte i vertici di Eni, Enel e Finmeccanica


Tremonti conferma in parte i vertici di Eni, Enel e Finmeccanica
04/04/2011, 09:04

ROMA - L'ufficializzazione avverrà a Borse chiuse, per evitare contraccolpi immediati, ma le trattative e le spartizioni all'interno della maggioranza sono finite, per quanto riguarda le poltrone delle società di proprietà dello Stato.
Confermato l'amministratore delegato dell'Eni Paolo Scaroni, ma cambia il Presidente, che ora è Giuseppe Recchi, numero uno della General Electric per il sud e tra i vertici di Confindustria. Stessa cosa all'Enel: confermato l'amministratore delegato Fulvio Conti, cambiato il Presidente che sarà Paolo Andrea Colombo, commercialista milanese e consulente di Mediaset. Per Finmeccanica, neanche l'essere sfiorato da una vasta indagine con gravi reati contro la Pubblica Amministrazione (la moglie invece è indagata) è bastato ad evitare la conferma di Francesco Guarguagnini come Presidente della società. Perde però il ruolo di amministratore delegato, che dovrebbe andare a Giuseppe Orsi, amministratore delegato della Agusta Westland (società di Finmeccanica che si occupa della costruzione e progettazione di elicotteri civili e militari). La Lega voleva metterci Roberto Castelli, ma la cosa è resa impossibile dalla legge che vieta a membri di governo (Castelli è sottosegretario ai Trasporti) di essere nominati a dirigente di una società pubblica. Tuttavia Orsi è molto vicino alle posizioni leghiste, per cui l'ok della Lega non è mancato.
Confermati i vertici alle Poste (Massimo Sarmi resta amministratore delegato e Giovanni Ialongo - con la benedizione del segretario della Cisl Raffaele Bonanni, requisito indispensabile per tradizione - resta Presidente) e di Terna (Flavio Cattaneo amministratore delegato e Luigi Roth Presidente). Anche in quest'ultimo caso respinta la richiesta della Lega Nord di mettere Castelli al posto di Roth, sempre per via dell'impossibilità stabilita dalla legge.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©