Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Sulla stessa linea di Juncker

Tremonti: ''L'unica strada verso il futuro sono gli eurobond''

''Crisi da dimensioni non conosciute ed non è finita''

Tremonti: ''L'unica strada verso il futuro sono gli eurobond''
27/08/2011, 13:08

RIMINI - Il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, nel corso del suo intervento al Meeting di Comunione e liberazione a Rimini, ha spiegato ad un pubblico particolarmente caloroso nel dargli il benvenuto, che la fine della crisi e ancora lontana e che '' ha una dimensione finora non nota nell'esistente'' .Tremonti è della stessa linea del premier lussemburghese Jean-Claude Juncker, ed afferma che ‘’l’unica strada per uscire da questa profonda crisi sia investire negli eurobond’’, aggiungendo che e' sbagliato dire che con gli eurobond ci guadagnano solo Italia e Spagna e non la Germania’’. A Dicembre, Tremonti e Juncker chiesero il lancio degli e-bond (obbligazioni sovrane europee) attraverso la creazione di un’Agenzia europea del debito che avesse il compito di raggiungere gradualmente un ammontare di emissioni equivalente al 40% del prodotto interno lordo dell’Unione europea e di ciascun Stato membro.Il ministro dell’economia allora si è chiesto: ‘’perchè il governo inglese chiede gli eurobond? Lo fa per sostenere l'Italia e danneggiare la Germania o perche' vede una soluzione di consolidamento fiscale fondamentale per la moneta comune? E' un'idea che sta andando avanti. Credo che gli eurobond abbiano senso per organizzare le emissioni di debito nell'emergenza e per finanziare il futuro nella prospettiva della crescita dei prossimi anni di questo continente". Se uno pensa, ha spiegato il ministro, "che lo sviluppo dell'Europa possa basarsi solo sulla domanda interna si sbaglia perche' c'e' una certa saturazione. Se uno pensa di puntare solo sull'export sabglia perche' e' un modello a rischio, l'export e' importante, necessario ma non sufficiente". I tavoli, ha concluso, "stanno su con tre gambe, fondamentale e' la gamba costituita dagli investimenti pubblici per il bene comune e gli eurobond servono per le emissioni e per finanziare lo sviluppo. Sono l'unico modo per combinare il rigore dei bilanci nazionali e lo sviluppo dell'economia del nostro continente".

Commenta Stampa
di Zaccaria Pappalardo
Riproduzione riservata ©