Politica / Regione

Commenta Stampa

L’appello di Mimmo Sessa ai salernitani in Parlamento

"Troppo rischioso il raccordo Sa-Av"


'Troppo rischioso il raccordo Sa-Av'
09/02/2010, 09:02


SALERNO - Il candidato al Consiglio regionale Mimmo Sessa, partecipando all’incontro stampa di ieri mattina svoltosi presso il Comune di Fisciano sul tema della messa in sicurezza delle infrastrutture della valle dell’Irno ha denunciato “il grave pericolo a cui saranno esposte le comunità del comprensorio ed in generale di tutto il salernitano con l’appesantimento del traffico sul raccordo autostradale a partire la prossimo 24 febbraio”. Nel particolare: “Con l’apertura dell’Ikea quel nevralgico tratto di collegamento autostradale diventerà ancora più trafficato e pericoloso. Il raccordo in passato ha determinato un notevole numero di incidenti mortali. La comunità della valle dell’Irno ha finora pagato un tributo altissimo in termini di perdita di vite umane a causa della mancanza di concretezza e di lungimiranza delle scelte politiche che hanno sempre relegato a problema secondario la messa in sicurezza di questa fondamentale arteria di collegamento tra il nord ed il sud dell’Italia. Condivido in pieno l’analisi dell’On. Tino Iannuzzi e la sua battaglia di civiltà per l’ammodernamento del raccordo Salerno-Avellino ancor di più oggi, con l’attuale governo che ha eliminato i fondi previsti e necessari. Il mio appello è allora rivolto a tutti i parlamentari e membri del Governo di area salernitana perché, trovando rapide soluzioni a questo grave problema ritrovando i fondi necessari, forniscano un segno tangibile di attenzione verso il loro territorio”. All’incontro era presente anche il sindaco del Comune di Fisciano Tommaso Amabile.
I prossimi appuntamenti nell’agenda elettorale del candidato al Consiglio regionale Mimmo Sessa sono i seguenti:
-mercoledì 10 incontro con le categorie professionali in Agropoli;
-sabato 13 ore 10.30 inaugurazione comitato elettorale in Salerno, Corso Garibaldi 177 (di fronte Palazzo di Giustizia).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©