Politica / Napoli

Commenta Stampa

Tuccillo, De Falco: L'ex Tiberio Palace Hotel diventa sede degli uffici comunali


Tuccillo, De Falco: L'ex Tiberio Palace Hotel diventa sede degli uffici comunali
28/09/2012, 10:18

Il  Consiglio comunale ha approvato la proposta della Giunta a firma degli assessori all’Urbanistica Luigi De Falco e al Patrimonio Bernardino Tuccillo che stabilisce la prevalenza dell’interesse collettivo a utilizzare per finalità pubbliche l’albergo Tiberio Palace di via Galileo Ferraris sequestrato per abusivismo edilizio. In questo modo, la struttura sarà utilizzata per scopi pubblici invece di demolirla. La legge, infatti, impone ai Comuni di optare tra la demolizione e l’utilizzazione pubblica degli edifici abusivi acquisiti al patrimonio comunale.

La vicenda dell’edificio risale agli anni ’90 della tangentopoli napoletana, quando fu rilasciata illegittimamente una concessione edilizia per realizzare la sede della Telesoft in un’area, in realtà, inedificabile. La società proprietaria chiese il condono che non è stato però concesso dal Comune, sia per l’avvenuta differente utilizzazione dell’edificio, sia per la realizzazione nel tempo di ulteriori opere abusive, del tutto insanabili.

Saranno diverse centinaia gli immobili per i quali il Consiglio comunale sarà chiamato a decidere -afferma l’assessore De Falco- gli uffici comunali, infatti, stanno monitorando gli atti degli ultimi 10 anni (dal 2003 -anno dell’ultimo condono- ad oggi). Si tratta di capannoni industriali che potrebbero essere utilizzati come palestre, o edifici in genere utilizzabili per attività sociali, uffici, ecc. ma anche suoli che potrebbero essere restituiti agli usi agricoli. Faranno ovviamente eccezione gli abusi ricadenti nelle zone vincolate per i quali non vi sarà margine di scelta, all’infuori della demolizione”.

L’edificio è composto di 11 piani di 900 metri quadrati ciascuno e di un piano terra e un primo piano di circa 1500 metri quadri, con un’area attigua di circa 5000 metri. Secondo l’assessore Tuccillo “la sola decisione di oggi comporterà per le casse comunali un enorme risparmio sui fitti passivi se si considera che – da bilancio 2011- il Comune paga annualmente 7 milioni di euro all’anno per l’utilizzo di circa 100 immobili di proprietà privata”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©