Politica / Regione

Commenta Stampa

Turismo: D'Angelo, proposta di legge per riorganizzazione turistica


Turismo: D'Angelo, proposta di legge per riorganizzazione turistica
04/11/2010, 17:11


NAPOLI - Una proposta di legge per dare slancio al turismo, ai grandi eventi nazionali e internazionali in Campania attraverso il coinvolgimento delle professionalità turistiche del nostro territorio: a proporla è la consigliere regionale Bianca D’Angelo, che spiega: “è una proposta di legge che va ben oltre i testi unici e le leggi di sistema, in quanto affronta la riorganizzazione turistica della Regione Campania nella giusta ottica culturale ovvero quella della programmazione regionale delle attività turistiche, dei grandi eventi e del coinvolgimento delle risorse professionali del territorio che sono punte di eccellenza, spesso non valorizzate, della Regione Campania”. La proposta di legge si basa sul turismo “come funzione strategica per lo sviluppo economico e per la crescita culturale e sociale del territorio regionale” ed è finalizzata alla promozione della Campania in Italia e all’estero, alla valorizzazione delle risorse storiche, ambientali e culturali, al miglioramento della qualità dell’accoglienza turistica, al riordino e alla ottimizzazione delle funzioni e delle competenze in materia turistica, alla informatizzazione delle informazioni e all’assistenza globale ai turisti. In attuazione delle funzioni di programmazione regionale, la proposta di legge prevede che la Giunta, sulla base del parere reso dalla Commissione consiliare permanente e delle proposte delle Province, entro il 30 settembre di ogni anno, adotti le linee guida per lo sviluppo turistico regionale e per bandire, ogni anno, un concorso internazionale denominato “Campania Felix” per la progettazione in Campania di grandi eventi “con la partecipazione professionale delle aziende e delle professionalità turistiche del territorio – precisa la consigliere D’Angelo – perché, quanto a professionalità, la nostra regione ha solo da insegnare”. Mutuando le migliori esperienze di altri paesi europei, che hanno sviluppato al massimo la propria vocazione turistica, la proposta di legge disciplina le diverse figure professionali del settore mettendole “a sistema” e introduce il corpo della Polizia Turistica Regionale: “una novità importante per garantire tutela e protezione dei turisti in Campania e per rendere il nostro territorio più sicuro ed attraente” ha spiegato la consigliere D’Angelo. Inoltre, vengono definiti gli standard di qualità delle strutture ricettive e di accoglienza, istituendo, presso l’assessorato regionale, una struttura deputata al controllo di qualità e al mantenimento degli standard dichiarati “perché – ha sottolineato la proponente – la vera rivoluzione culturale che è alla base del rilancio del turismo in Campania è quella della qualità e dell’eccellenza dei servizi e dei prodotti che possono rendere la nostra terra tra le più attraenti al mondo”. Dal punto di vista amministrativo, la proposta di legge definisce le funzioni delle Province e dei Comuni, degli Uffici di informazione turistica, delle Comunità montane, delle Pro-loco, dei Parchi e delle riserve naturali e sopprime gli enti provinciali per il turismo e le aziende autonome di cura e soggiorno affidando alla Regione, ai Comuni e alle Province le relative competenze.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©