Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Una "maitresse" per il reclutamento delle ragazze alle feste di Berlusconi?


Una 'maitresse' per il reclutamento delle ragazze alle feste di Berlusconi?
22/06/2009, 09:06

Continuano le indagini della Procura di Bari sui rapporti (se ce ne sono stati) tra Giampaolo Tarantini - imprenditore barese, proprietario di Tecnohospital - e alcune ragazze e donne pagate per andare alle feste che Berlusconi teneva a Villa Certosa o a Palazzo Grazioli, come Patrizio D'Addario e Barbara Monreale. E spuntano altre ragazze, non tutte identificate compiutamente, che avrebbero preso soldi per andare alle feste. E spunta anche una donna, Terri De Nicolò, 40 anni, barese di nascita ma che vive a Milano, indagata anche lei per aver procurato delle ragazze.
Tarantini ha affermato che alle ragazze veniva pagato solo il pernottamento e il imborso delle spese di viaggio, ma la D'Addario ha parlato di un pagamento di 2000 euro, dimezzati perchè non si è intrattenuta la notte; e la Monreale ha parlato addirittura di 10 mila euro. Ma altre ragazze hanno parlato di essere state pagate 500 euro per andare alle feste del premier. E si espandono le indagini anche a carico di Tarantini, sospettato di aver pagato mazzette per ottenere appalti pubblici per la sua società.Compresa una cena elettorale del marzo 2008 a Bari, alla quale partcipò anche l'ex presidente del Consiglio Massimo D'Alema, anche se quest'ultimo - in base a quanto si è appreso - non conosceva personalmente Tarantini.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©