Politica / Regione

Commenta Stampa

Campania. La denuncia di Fulvio Martusciello (Pdl)

"Un'inchiesta sugli appalti per l'assistenza tecnica in Regione"


'Un'inchiesta sugli appalti per l'assistenza tecnica in Regione'
10/05/2010, 14:05

NAPOLI - Gli appalti in Regione per l’esternalizzazione dei servizi ha rappresentato negli ultimi anni un fardello per il centrosinistra. Troppi intrecci tra politica e malaffare, inchieste che hanno portato alla scoperta di legami inquietanti tra rappresentanti politici e “colletti bianchi”, gli imprenditori legati alla criminalità organizzata o, quantomeno, in odore di camorra. Un libro lungo, con tanti capitoli ancora da scrivere.
Ascoltando le parole di Fulvio Martusciello, consigliere regionale del Pdl e tra i leader storici di Forza Italia in Campania, serve ancora tanto lavoro per bonificare la macchina amministrativa dal malaffare. “Serve una indagine approfondita - dichiara Martusciello, in pole per un posto di assessore nella nuova giunta che Stefano Caldoro formerà nelle prossime ore - per comprendere e rileggere tutte le gare dei servizi di assistenza tecnica aggiudicate in questi anni. Si ha l’impressione che esista un cartello di imprese che in questi anni hanno beneficiato degli appalti per l’assistenza tecnica ai progetti europei. Due imprese, infatti, si trovano concorrenti o insieme a secondo delle gare, dalle quali escono quasi sempre vincitori. L’anomalia emerge anche dalle composizioni delle commissioni i gara dove spesso si ritrovano gli stessi funzionari pubblici”. Il tema, spinoso, sarà affrontato pure in Consiglio durante le sedute seguenti a quella di mercoledì prossimo (12 maggio). Proprio Martusciello ha annunciato un’interrogazione per chiedere alla neo giunta “una rotazione completa della dirigenza pubblica regionale sul tema dei servizi di assistenza tecnica ai fondi europei”.
In sostanza, l’esponente del Pdl chiede l’intervento della Procura della Repubblica per smascherare un duopolio creato ad arte che si è accaparrato, con la presunta complicità di funzionari pubblici, gli appalti per l’affidamento dell’assistenza tecnica. Un cartello di imprese che, rispetto al bando ed al servizio da gestire, decidono se presentarsi da sole oppure mettersi insieme in modo da eliminare l’eventuale concorrenza. Per il momento Fulvio Martusciello non fa i nomi. Lancia il classico sassolino nello stagno, sperando che qualcosa cominci a muoversi.
In questo caso la criminalità organizzata non c’entra nulla. La denuncia, una volta verificata, potrebbe, invece, arricchire il corposo capitolo dell’affarismo che ha regnato sovrano in Regione negli ultimi dieci lunghi anni di gestione Bassolino.

Commenta Stampa
di Giovanni De Cicco
Riproduzione riservata ©