Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Zaia: "La risposta all'Unità è approvare il federalismo"

Unità d'Italia, Napolitano: "Rispettare il Tricolore"

Monito alla Lega da parte del Presidente della Repubblica

Unità d'Italia, Napolitano: 'Rispettare il Tricolore'
07/01/2011, 15:01

REGGIO EMILIA - “Ritrarsi o trattenere le istituzioni dall'impegno per il centocinquantenario, che è impegno a rafforzare le condizioni soggettive di un'efficace guida del Paese, non giova a nessuno. Rispettare la Costituzione il Tricolore, soprattutto per chi ha responsabilità di governo, è un obbligo”.  Giorgio Napolitano si rivolge alla Lega durante l’inizio delle celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia. A Reggio Emilia, luogo dell’apertura dell’evento è nato il Tricolore, che per il Presidente della Repubblica, va rispettato e con esso la Costituzione. La prima risposta della Lega arriva da Luca Zaia, Preidente leghista della Regione Veneto: “La miglior risposta che il Parlamento può dare alle celebrazioni per i 150 anni dell'unità d'Italia è approvare il federalismo” Conclude Zaia “Il federalismo è un movimento centrifugo, non centripeto, unisce se si fa. E poi la riforma era già nelle intenzioni dei padri costituenti nel 1948, ma non è mai stata attuata. Lo stesso Napolitano  ha spiegato che il federalismo non è più una scelta, ma una necessità. Dunque è il tempo che la necessità diventi realtà”.
Interventi anche da parte dei sindaci delle capitali dell’Italia unita, ovvero Sergio Chiamparino, primo cittadino del comune di Torino, Matteo Renzi, sindaco di Firenze e Gianni Alemanno, sindaco di Roma. Quest’ultimo ha apprezzato le parole di Napolitano: “Ha fatto molto bene a sottolineare come atteggiamenti di scarso rispetto verso l'unità nazionale indeboliscono le riforme federaliste e non le rafforzano”. Per Renzi un discorso “chiaro e bello, appassionante e ricco di contenuti che non ha bisogno di commenti.”  Infine Chiamparino, sindaco di Torino si sente confortato rispetto a quanto messo in piedi per la celebrazione dei 150 anni dell’Unità, nonostante qualche incertezza del governo nazionale.

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©