Politica / Regione

Commenta Stampa

Università, Giovani PD: "scellerato l'aumento della tassa regionale"


Università, Giovani PD: 'scellerato l'aumento della tassa regionale'
08/09/2012, 09:01

“Con decreto regionale firmato il 20 luglio, su disposizione normativa del governo nazionale, si è deciso che per il prossimo anno accademico, 2012/2013, la tassa regionale per il diritto allo Studio per i circa 190mila iscritti alle Università campane passa dagli attuali 62 euro a 140 euro: un incremento del 126%. L’aumento è dovuto all’obbligato adeguamento delle regioni al decreto ministeriale 68/2012, un provvedimento che segue pedissequamente le linee guida della riforma Gelmini. Il finanziamento al diritto allo studio si baserà per più della metà sulla contribuzione studentesca, con il conseguente disimpegno dello Stato da questo fondamentale capitolo” a dichiararlo in una nota congiunta sono Marco Sarracino, segretario provinciale dei Giovani Democratici Napoli, e Antonio Esposito, responsabile saperi dei Gd partenopei.

 
“Questa sarà una tassa che consegna le nostre Università, di fatto, esclusivamente alle classi agiate del Paese, tagliando le gambe a quella che, per chi proviene da ceti medio-bassi, rappresenta sì un luogo di formazione, ma soprattutto di emancipazione socio-culturale” aggiungono.

“Questo governo, pur dichiarandosi fortemente europeo, prende dal continente solo lo scellerato amore per i mercati, consegnando  loro un diritto costituzionalmente sancito dagli artt. 3 e 34 ed ignorando che negli altri Paesi l'accesso alla conoscenza è fortemente incentivatp. Sarà un autunno caldo. Siamo stanchi dei tagli irrazionali e delle spending review che si stanno portando avanti in questo Paese da anni. Non possiamo più aspettare: è il momento di dire con forza che il diritto allo studio non si misura in base al reddito familiare, ma proprio i saperi, la ricerca e la cultura sono condizioni essenziali per trascinare questo Paese fuori dalla crisi economica, politica e morale che domina da tempo nel nostro Belpaese”, concludono Sarracino ed Esposito.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©