Politica / Parlamento

Commenta Stampa

La Gelmini chiede ai ricercatori di non fermare la didattica

Università: Tremonti annuncia nuovi fondi entro dicembre


Università: Tremonti annuncia nuovi fondi entro dicembre
22/09/2010, 20:09

ROMA – Quest’oggi durante la conferenza stampa tenuta a Palazzo Chigi, i ministri Giulio Tremonti e Maria Stella Gelmini, hanno annunciato che entro dicembre saranno stanziati nuovi fondi per l’università.
"In un mese o due sarà possibile stabilire quale sarà la ridotazione necessaria per un sistema universitario profondamente cambiato, dove i capitali vengono utilizzati nel modo migliore e non dispersi". Queste, le prime parole di Tremonti, che ha poi spiegato che sarà importante procedere sia sulla riforma che sulla dotazione finanziaria, perché senza una revisione della dotazione non sarà possibile sviluppare la riforma. Il ministro, ha poi sottolineato che la riforma universitaria e il finanziamento vanno di pari passo. Ha poi concluso in tono scherzoso: "Non potrei parlare perché sono in conflitto di interessi, non solo perché ex studente ma anche perché sono un professore universitario, sono stato un borsista e assistente".
Nel corso della conferenza è arrivato anche l’appello della Gelmini, che si è rivolta a tutti i ricercatori, invitandoli a non interrompere la didattica, perché tutto ciò andrebbe solo a discapito degli incolpevoli studenti e perché in futuro il governo si attiverà per favorirli. Il ministro ha poi spiegato: "Con le risorse che abbiamo a disposizione non aumenteremo la pianta organica, ma verrà riqualificato il ruolo dei ricercatori con la possibilità di farli passare al ruolo di professori".
Perplessità e scetticismo traspaiono invece dall’Unione Industriali, che ha così commentato l’incontro di oggi: "Mentre Tremonti parla oggi di risorse cela gli ulteriori tagli ai finanziamenti statali, al diritto allo studio". Quest’ultimi hanno poi sottolineato la necessità di arrestare la riforma Gelmini, e di avviare una riforma che dia prospettive all’università e alla ricerca pubblica.

Commenta Stampa
di Dario Palladino
Riproduzione riservata ©