Politica / Regione

Commenta Stampa

Il 5 luglio l'elezione. Suo avversario, Nicola Tremante

Valeria Valente si candida alla segreteria del Pd


.

Valeria Valente si candida alla segreteria del Pd
23/06/2010, 15:06

NAPOLI – Quella di lasciare l’incarico come assessore al Turismo è una scelta “ragionata” e “giusta”. Esordisce così Valeria Valente durante la conferenza stampa organizzata per ufficializzare la sua candidatura a Segretaria Provinciale del Pd. Una decisione arrivata quasi di colpo e nata dall’esigenza di dare un volto nuovo al partito dopo le due recenti sconfitte alle ultime elezioni campane. Per farlo, però, la Valente ha dovuto rinunciare al lavoro in assessorato, in attesa delle elezioni che si terranno il prossimo 5 luglio. “Il mio programma prevede una presenza del Pd più forte, più radicata sul territorio e che sappia venire incontro ai bisogni dei cittadini” – aggiunge la Valente – “Sicuramente intendo investire nelle donne, che diventerebbero almeno il 50%, e nei giovani che magari si sono già cimentati in alcune esperienze sul campo e che rappresenterebbero una novità”.
Con voce pacata e modi affabili, l’ex assessore cita l’esempio della Finlandia, dove una donna di 42 anni è diventata primo ministro e spiega che anche in Italia sarebbe necessario creare situazioni del genere. Ha un attimo di esitazione solo quando qualcuno in sala le ricorda che la sua è una candidatura “bassoliniana”: “non mi dà fastidio ma non corrisponde del tutto al vero, preferisco essere riconosciuta per le mie idee”.
Partita ancora aperta, dunque, e giocata all’insegna della tranquillità, anche se la Valente non risparmia un piccolo affondo al suo avversario diretto Nicola Tremante: “Qualcuno ha sottolineato che è più vecchio di me, ma sostengo che un buon lavoro non sia legato al dato anagrafico” – conclude – “Però Tremante ha già ricoperto diverse cariche in passato, forse dovremmo fermarci a riflettere su quanto sia necessario mettere forze nuove in campo”.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©