Politica / Politica

Commenta Stampa

Vattani: “Grati a Storace per coerenza e determinazione"


Vattani: “Grati a Storace per coerenza e determinazione'
26/02/2013, 17:10

Mario Vattani, che è stato Capolista al Senato per La Destra in Campania, ha così commentato il voto delle Elezioni Politiche appena concluse: “In un contesto generale dove l’antipolitica ha raggiunto quasi il 50%, voglio innanzitutto esprimere la mia sincera gratitudine ai quasi 20.000 elettori che in Campania hanno sostenuto le nostre liste, ai rappresentanti de La Destra e ai militanti che si sono prodigati in questa intensa e difficile campagna elettorale.

 

Certamente, esiste un margine di frustrazione tra l’impegno militante e il risultato, ma anche questo è il senso di far parte di uno schieramento.

 

Non possiamo non guardare al quadro generale: con uno sforzo sovrumano il centrodestra è riuscito a rivoltare un risultato che sarebbe stato disastroso per il nostro paese. E’ stata fermata l’azione del partito dei tecnici che, alleato con una sinistra irresponsabile, rischiava di portare l’Italia sull’orlo del declino e del sottosviluppo.

 

Dobbiamo essere grati al nostro Segretario Francesco Storace che con coerenza e determinazione ci ha reso parte attiva di questa coalizione. Noi abbiamo fornito i contenuti più qualificanti al programma del centrodestra, e riteniamo che la nostra linea improntata alla priorità dello stato sociale e alla sovranità nazionale abbia significativamente contribuito al risultato della coalizione.

 

Il partito ha dovuto reggere l’onda d’urto della forte sfiducia verso tutto il quadro politico italiano, e credo che siamo riusciti a distinguere il valore di coerenza del nostro simbolo, ottenendo in alcuni comuni delle percentuali ben più alte della media nazionale. Abbiamo mantenuto le posizioni grazie al nostro radicamento sul territorio e alla credibilità delle nostre proposte.

 

Noi siamo stati sempre contrari alla frammentazione della destra italiana in liste e listarelle, di cui paghiamo oggi lo scotto.

Noi siamo la destra sociale, siamo la continuità con la nostra tradizione politica e ideale, e lo abbiamo dimostrato, anche stavolta, con chiarezza, coerenza e determinazione.

 

Ora non dobbiamo pensare a cosa fare, ma a come farlo. Perché adesso occorre rispondere a ciò che ci chiede la nostra gente: bisogna avviare subito un percorso unitario per riformare un’unica forza politica di destra sociale e nazionale".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©