Politica / Parlamento

Commenta Stampa

VELTRONI: DESTRA ROVINA L'ITALIA, ECONOMICAMENTE E MORALMENTE


VELTRONI: DESTRA ROVINA L'ITALIA, ECONOMICAMENTE E MORALMENTE
14/09/2008, 14:09

“La destra sta rovinando economicamente, politicamente e moralmente l’Italia. E le sue politiche puramente repressive possono portare all’autunno della democrazia e della libertà”. Una delle frasi del lungo discorso del segretario del Pd Walter Veltroni, che ha chiuso la scuola estiva del partito svoltasi negli ultimi quattro giorni in alcune cittadine di Umbria e Toscana.

Scuola, Alitalia, ma anche sistema sanzionatorio nell’intervento del leader dell’opposizione.

“Il tempo della destra populista - ha detto Veltroni riferendosi ai diversi governi conservatori che guidano alcuni Paesi europei e occidentali - è quello della democrazia che si riduce. Questo fatto è riscontrabile nelle politiche puramente repressive che questi governi, compreso quello di Berlusconi, adottano per affrontare alcuni fenomeni come la droga, la prostituzione, l’immigrazione. In una logica vanamente e unicamente repressiva che finisce per essere solo oppressiva - ha commentato - si parte dalle impronte ai bambini rom per arrivare alle celle negli stadi e al carcere per le prostitute e per i loro clienti, per poi spingersi magari alla proposta della schedatura informatica di massa del sistema francese Edvige: migliaia e migliaia di persone catalogate in base alla loro etnia, alla loro attività lavorativa, sindacale e politica, al loro impegno sociale. Protezione, o presunta tale, al di sopra di tutto. Al di sopra della libertà e dei fondamentali diritti civili di ogni persona. E' anche così che può cominciare l’autunno della democrazia e della libertà. Il dramma di questo Paese – ha proseguito – è che non ha mai avuto, ad eccezione del primo centrosinistra e del primo governo Prodi, una maggioranza riformista che lo abbia cambiato. L’Italia si renderà conto a breve che sette anni di governo della destra l’hanno ridotta nella condizione drammatica in cui si trova oggi”.

Sulla scuola Veltroni ha criticato le misure del ministro Gelmini senza mezzi termini. Ma l’attacco era rivolto direttamente al premier. “Berlusconi vuole che la scuola la facciano le sue tv”, ha ironizzato con amarezza.
 

E poi Veltroni affronta i temi delle libertà civili, o meglio, dell'importanza delle libertà civili, come il diritto a scegliere liberamente il proprio orientamento sessuale. Una tematica, tuttavia, sulla quale il Pd dovrà prima o poi fare chiarezza.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©