Politica / Napoli

Commenta Stampa

Verdi: "aumento del 60% di regali riciclati o riutilizzati segno della crisi"


Verdi: 'aumento del 60% di regali riciclati o riutilizzati segno della crisi'
27/12/2011, 10:12

" Dai primi dati che sono pervenuti al nostro osservatorio ecologista - dichiara il comissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli che ha promosso con il movimento ambientalista un Natale nel segno del risparmio e del non inquinamento - il 24 e 25 a Napoli e provincia abbiamo avuto un boom di regali riutilizzati o riciclati. Sintomo della crisi e dalla forte necessità di risparmio da parte dei cittadini. In poche parole le famiglie napoletane hanno speso meno riutilizzando in molti casi regali come bottiglie di spumante, vino, liquori, libri e cd".
"Molti, pur di non rinunciare alla ritualità del dono, hanno addirittura prodotto in proprio i regali - continua Borrelli - realizzando compilation musicali natalizie o bigiotteria che hanno poi regalato ai propri familiari. Inoltre c' è stato un aumento significativo di giochi ecologici regalati ai bambini. E' stato privilegiato il regalo utile a quello effimero. Ad esempio il vestiario è stato preferito allo svago. Meglio un maglione, dei calzini o dei guanti a videogiochi o ad oggetti inutili. Moltissime famiglie hanno scelto prodotti per la casa come utensili da cucina o asciugamani per il bagno.
Ovviamente tutto questo risparmio ha prodotto anche meno spazzatura per le strade cittadine sia la sera della vigilia che quella del Natale".
"L' unico prodotto effimero - conclude Borrelli - che non ha avuto significative diminuzioni, almeno secondo i nostri dati, sono stati i cellulari. In particolare quelli di ultima generazione o iper tecnologici.
Noi riteniamo che il riutilizzo, il riciclo di regali natalizi di oltre il 60% rispetto all' anno precedente e la minore produzione di rifiuti siano aspetti positivi anche se non dovuti ad una maggiore coscienza civica ma alla situazione economica negativa".


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©