Politica / Politica

Commenta Stampa

Verdi e Pd denunciano squadra di calcio con megliette con la croce celtica


Verdi e Pd denunciano squadra di calcio con megliette con la croce celtica
28/10/2011, 14:10

"Sabato 29 Ottobre scenderà in campo nel campionato regionale di seconda categoria una squadra di calcio a connotazione "fascista" - denunciano il commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli ed il consigliere provinciale Livio Falcone - con tanto di magliette con croce celtica e striscioni della tifoseria con slogan del tipo "boia chi molla" ( allegati in foto ). Si tratta della SPORTING VITULAZIO UOMO NUOVO NAPOLI “L. BASCO” nata l'anno scorso con il nobile tentativo di far giocare a calcio, ragazzi difficili, con storie personali di micro delinquenza, provenienti da famiglie anche esse difficili della zona di piazza Mercato a Napoli.
Presidente di questa squadra di calcio è Nicola Trisciuoglio, avvocato radiato dall'ordine,nel 2005 in quanto accusato di truffa nei confronti dei suoi clienti da cui riusciva ad ottenere il conferimento di mandati speciali irrevocabili al fine di partecipare ad aste pubbliche per l'acquisto di immobili oggetto di esproprio ( allegato ).
Nicola Trisciuoglio vanta un passato nella destra radicale napoletana e nelle organizzazioni extraparlamentari di destra".
"In questi anni, per ritornare ad essere presente nel tessuto sociale civile e politico cittadino - continuano Borrelli e Falcone che sabato pubblicheranno sul quotidiano ecologista Terra la storia incredibile di questo personaggio con un articolo di Nando Cirella - ha dato vita ad due associazione una denominata Uomo Nuovo, che si occupa del reinserimento delle persone che hanno commesso degli errrori nella vita, attraverso il gioco del calcio, ed un'altra associazione denominata Avvocati del Popolo, che fornisce ad altri avvocati, che possono esercitare, clienti, ricevendo in cambio una percentuale di quanto pattuito".
"La squadra ha la prima di campionato sabato e scenderà in campo - concludono Borrelli e Falcone - proprio con le magliette con la croce celtica contro il Casapesenna poi dovrebbero scendere in campo contro la Don Peppe Diana Real Cancello ( http://www.vocesport.com/portal/?p=82659 ) .

La Federcalcio deve intervenire celermente , cercando comunque di salvaguardare i ragazzi, che in buona fede si impegnano nello sport in questa strana squadra di calcio di stampo "fascista"".
"Il luogo di provenienza di questa squadra - conclude Falcone - è lo stesso del Presidente del Consiglio Provinciale Luigi Rispoli che gira sempre con una croce celtica al collo e secondo ma da un pessimo esempio sia come uomo che come istituzione. La settimana scorsa fu proprio lui ad aggredirmi in modo violento durante il Consiglio Provinciale".



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©