Politica / Napoli

Commenta Stampa

Verdi e Pd su compenso Presidente Forum Culture


Verdi e Pd su compenso Presidente Forum Culture
25/11/2011, 16:11

"Vecchioni ha onestamente e sdegnosamente precisato - spiegano il commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli ed il consigliere provinciale del PD Livio Falcone tra i primi a ritenere insostenibile il mega compenso per il cantante milanese - che da cantautore in un anno guadagna anche il doppio dei 220mila euro che ha chiesto per dirigere il Forum delle Culture. A questo punto dobbiamo ritenere che questa cifra ,a nostro avviso spropositata viste le casse povere del Comune e della Regione, sia quasi un favore che questo straordinario artista sta facendo a Napoli. Noi gli facciamo presente che le sue parole possono apparire uno schiaffo alla miseria alle centianaia di migliaia di persone povere ed in difficoltà economica in città ed in provincia.
Siamo convinti invece che anche la metà di 220mila euro annui sia una cifra stratosferica anche considerando la situazione economica drammatica del paese ed in particolare del sud e della nostra città".
"Spetta adesso a Comune, Regione e Provincia - continuano Borrelli e Falcone - decidere se cedere alla richiesta ,a nostro avviso eccessiva del cantante, o affidarsi ad un direttore che ami talmente tanto Napoli da farlo a costi più bassi o addirittura gratis. Da Tony Servillo a Maurizio de Giovanni passando per Erry De Luca abbiamo diversi nomi anche nostrani e di fama internazionale a cui poter chiedere questo impegno.
Vecchioni potrebbe venire a dare una mano lo stesso senza gravare in modo così esoso sulle tasche dei cittadini e casomai si potrebbero investire alcune risorse anche nel sostegno dei piccoli teatri, gallerie d' arte, spazi sociali e di confronto che sono la base su cui si fonda il patrimonio intellettuale e culturale dellla nostra città.
E' il momento per Napoli e per la Regione di portare avanti una politica seria di sobrietà ed austerità".


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©