Politica / Regione

Commenta Stampa

Verdi e utenti presentano dossier sui trasporti pubblici


Verdi e utenti presentano dossier sui trasporti pubblici
15/07/2011, 09:07

"Sui trasporti pubblici daremo battaglia. Ad un anno e mezzo dall' insediamento della Giunta Regionale Caldoro - denunciano il commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli ed il responsabile dell' associazione utenti mezzi pubblici Francesco servino che hanno presentato stamane un dossier sui trasporti pubblici in provincia di Napoli - i risultati in questo settore sono drammatici soprattutto per la provincia di Napoli con l' eliminazione del 25% delle corse e soppressione del 7% delle tratte. Ci sono comuni come quello di Gragnano c' è oramai solo il collegamento su gomma ed è stata eliminata la stazione. Metrò del mare soppresso e aumenti medi del 25% del costo del biglietto su navi e aliscafi spesso vecchi e mal tenuti. Metropolitana di Napoli in condizione pessime con vagoni luridi spesso senza aria condizionata e tempi di percorrenza tra Napoli e Pozzuoli maggiori di quelli tra Napoli e Roma con l' Alta Velocità. Biglietto orario per i trasporti pubblici che è il più caro d' Italia: 1,20 euro a differenza dell' euro singolo di Roma e Milano"
"Da quando è iniziata la stagione estiva - continuano Borrelli e Servino - la Circumvesuviana ha addirittura peggiorato il servizio.
Notevoli i disagi lamentati in particolar modo dai pendolari e dalle persone che utilizzano il treno come mezzo di trasporto per lavoro o per recarsi alle mete balneari (Castellammare, Vico Equense, Meta di Sorrento ecc.): i treni viaggiano con continui ritardi, sovente le corse vengono soppresse. A tutto questo si aggiunge la completa assenza, nelle carrozze vecchie, di un sistema di aria condizionata, pertanto i vagoni diventano dei veri e propri forni di acciaio infuocato. A tutto questo si aggiunge la puzza e la sporcizia delle carrozze, che non vengono mai lavate, pulite e disinfettate e all’interno delle quali spesso qualcuno fa i bisogni (!). Spesso le persone collassano all' interno per il caldo, il freddo o il cattivo odore. Soventi sono anche le proteste dei pendolari contro il personale addetto in cui difesa devono intervenire costantemente le forze dell’ordine. Non ultimo dei problemi, le risse, gli atti di vandalismo e di bullismo che si verificano all’interno dei vagoni e delle stazioni, complici ragazzini che se ne fregano di ogni norma civica e agiscono in totale spregio dell’educazione".

Il dossier è stato inviato al Presidenete Caldoro a cui i Verdi chiedono di essere incontrati e di cominciare a strutturare una nuova politica a favore dei trasporti pubblici.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©