Politica / Napoli

Commenta Stampa

Verdi Ecologisti attaccano: "chiediamo una urgente deblattizzazione delle zone popolari della città"


Verdi Ecologisti attaccano: 'chiediamo una urgente deblattizzazione delle zone popolari della città'
09/07/2012, 18:07

"A causa del caldo e della discontinuità del servizio dell’ASIA interi quartieri sono invasi da blatte - denunciano il capogruppo dei Verdi Ecologisti alla I Municipalità Diana Pezza Borrelli ed il segretario cittadino del Sole che Ride Vincenzo Peretti - per questo chiediamo un urgente intervento di disinfestazione nelle zone popolari della città. In particolare nella I Municipalità bisogna intervenire rapidamente nel Pallonetto di S.Lucia, Vico storto, Vico della Solitaria, Rampe Paggeria e Salita Vetriera dove sono apparsi ultimamente anche dei grandi ratti. In particolare alle Rampe Paggeria che sbucano a P.zza Plebiscito il mix tra forte caldo, urina, spazzatura e blatte ha riempito la strada negli ultimi tempi di enormi topi molto aggressivi e pericolosi soprattutto per i bambini e per chi va a gettare la spazzatura".
"Troviamo assurdo - continuano i Verdi Ecologisti - che non si proceda con maggiore attenzione per la parte più popolosa e disagiata della Municipalità di Chiaia, San Ferdinando, Posillipo. Ci riferiamo ad esempio al Pallonetto di S. Lucia dove molte famiglie vivono nei cosiddetti "bassi" a fronte strada e quindi per loro il disagio delle blatte e dei topi è ancora più sentito. Non vorremmo che per minimizzare il problema queste famiglie e queste realtà territoriali venissero abbandonate al loro destino provocando una più che giustificata ed imminente rivolta. Ci sono talmente tante blatte in queste strade che quando si cammina sembra di calpestare continuamente un manto di disgustosi biscotti croccanti.
Per questo si chiede una derattizzazione e una deblattizzazione urgente di questi pezzi di territorio che per ora non hanno avuto la dovuta attenzione da parte della pubblica amministrazione".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©