Politica / Regione

Commenta Stampa

Verdi, "la Regione ha congelato le nomine dei neo Presidenti dei Parchi regionali"


Verdi, 'la Regione ha congelato le nomine dei neo Presidenti dei Parchi regionali'
20/01/2012, 14:01

" La giunta della Campania - dichiara il commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli - ha congelato le nomine dei neo Presidenti dei Parchi regionali nominati nel dicembre scorso. Le ragioni sono da addebitare alla vittoria del ricorso al Tar campano del Presidente del Parco Regionale di Roccamonfina nel casertano Raffaele Aveta. Il tribunale amministrativo ha giudicato illegittima la procedura avviata dalla stessa Regione Campania che aveva limitato nel 2010 i poteri dei presidenti e commissariato i parchi. Con questa sentenza è chiaro che viene inficiata anche la procedura delle nuove nomine. Il secondo motivo , a nostro avviso, è dovuto alla qualità dei neo nominati. Personaggi sconosciuti al mondo ambientalista ed ecologista campano in alcuni casi parenti di consiglieri regionali o anche portaborse di sindaci e come stanno verificando le autorità competenti anche con vicende giudiziarie gravi sulle spalle. Per non parlare del fatto che due curriculum presentati risulterebbero non corrispondenti ai requisiti richiesti per legge e addirittura con titoli palesemente falsi".
Sulla decisione del Tar è intervenuto il Presidente del Parco di Roccamonfina l’avv. Aveta: “è con grande soddisfazione che ho appreso della sentenza, che ripara ad un grave ingiustizia e chiarisce un lunga querelle che ha avuto esiti nefasti per i parchi campani. La limitazione dei poteri dei Presidenti, insieme con l’arresto di qualsiasi finanziamento regionale (perfino quello relativo ai fondi ordinari 2009 e 2011) ha significato infatti la paralisi dell’attività amministrativa e programmatica delle aree protette, con grave nocumento per la protezione dell’ambiente e lo sviluppo sostenibile del territorio. I parchi sono una grande opportunità per la crescita socio-economica della Campania e occorre investire urgentemente nel loro rilancio. Spero che la sentenza del Tar induca la giunta Caldoro ad iniziare questa nuova fase”.


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©