Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Veronica Lario: "Le veline in politica? Ciarpame senza pudore"


Veronica Lario: 'Le veline in politica? Ciarpame senza pudore'
29/04/2009, 09:04

Veronica Lario non ce l'ha fatta più, per la seconda volta. E - come nel 2007 - l'ha fatto sapere attraverso le colonne di Repubblica. Nel 2007 con una lettera aperta, quando Silvio Berlusconi, in occasione della cerimonia di consegna dei Telegatti, disse: "Se non fossi già sposato, la sposerei", a Mara Carfagna - allora non ancora Ministro, ma soubrette televisiva e personaggio fisso dei calendari senza veli che ogni anno vengono venduti - che si trovava ad un tavolo con Aida Yespica ed altre colleghe. Oggi con una intervista a Repubblica, decisamente al calor bianco. "Voglio che sia chiaro - ha detto la signora Lario - che io e i miei figli siamo vittime e non complici di questa situazione. Dobbiamo subirla e ci fa soffrire". E poi, con specifico riferimento alla scelta di inserire nelle liste per le europee letteronze, veline e altre ragazze senza grandi esperienze curriculari: "In Italia la storia va da Nilde Jotti e prosegue con la Prestigiacomo. Le donne oggi sono e possono essere più belle; e che ci siano belle donne anche nella politica non è un merito nè un demerito. Ma quello che emerge oggi attraverso il paravento delle curve e della bellezza femminile, e che è ancora più grave, è la sfrontatezza e la mancanza di ritegno del potere che offende la credibilità di tutte e questo va contro le donne in genere e soprattutto contro quelle che sono state sempre in prima linea e che ancora lo sono a tutela dei loro diritti. Qualcuno ha scritto che tutto questo è a sostegno del divertimento dell'imperatore. Condivido: quello che emerge dai giornali è un ciarpame senza pudore, tutto in nome del potere".
Inoltre, sulla voce che è stata riportata, di un Berlusconi giunto a Napoli domenica notte per partecipare in discoteca alla festa dei 18 anni di una ragazza, Veronica ha risposto: "Che cosa ne penso? La cosa mi ha sorpreso molto, anche perchè non è mai venuto a nessun diciottesimo dei suoi figli pur essendo stato invitato".
Tutto sommato, come si fa a darle torto? Già fa una vita ritirata, non è una affamata di gossip; ma che debba essere umiliata in questa maniera tutti i santi giorni in TV e sulla stampa, effettivamente è troppo.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©