Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Monti: avviato programma con misure per la crescita

Via libera del Consiglio dei Ministri al “decretone” sanità

Saltata la "tassa sulle bollicine"

Via libera del Consiglio dei Ministri al “decretone” sanità
06/09/2012, 09:16

ROMA  - Via libera del Consiglio dei Ministri, chiuso nella tarda serata di ieri,  al “decretone” sulla sanità. La riunione a palazzo Chigi, durata più di sei ore, ha fatto scattare il semaforo verde al decreto legge con le nuove norme. Queste le principali novità:  medici di base sette giorni su sette e  aggregazioni tra medici di famiglia, pediatri, specialisti ambulatoriali e guardia medica, allo scopo di garantire ai pazienti un'assistenza 24 ore su 24.  

Il testo sulla Sanità, che è passato da 27 a 16 articoli, ha invece perso per strada molti articoli come la cosiddetta "tassa sulle bollicine"; restano le multe per chi vende sigarette ai minori. Per quanto riguarda il partenariato pubblico-privato in materia di edilizia sanitaria, è ampliata la possibilità di collaborazione tra investitore privato e azienda sanitaria pubblica.

Arrivano norme per limitare la pubblicità dei giochi con vincite in denaro, con particolare riguardo alla tutela dei minori. “Nessuno pensa di vietare il gioco ma di informare sul gioco d’azzardo patologico che é vera malattia”.  ha chiarito il ministro della Salute Renato Balduzzi, nella conferenza stampa al termine del consiglio dei ministri, aperta dal Premier Mario Monti.

Quest’ultimo ha ricordato che il Governo ha approvato la proposta di decreto legge sulla salute. “Un provvedimento complesso, importante. La tutela della salute è un vero e proprio asset produttivo per il paese”. Il Premier ha   aggiunto :  “è stato avviato l'esame del cronoprogramma con le principali misure da adottare per gli obiettivi indicati nell'agenda per la crescita”.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©