Politica / Salerno

Commenta Stampa

Vietri: altro che crescita, per i ristoratori è crisi nera


Vietri: altro che crescita, per i ristoratori è crisi nera
26/09/2012, 12:41

 

L’Associazione Ristoratori Città di Vietri, a stagione quasi conclusa, e lontano da sterili polemiche che non portano beneficio a nessuno, è in grado,  sentito il parere di  tutti gli associati, di trarre le conclusioni della Stagione Estiva 2012. Il perdurare della crisi economica che attanaglia il nostro paese, si è sommata ad una serie di “fattori negativi” che hanno penalizzato tutti i settori e le attività turistiche ricreative del nostro territorio, ma soprattutto hanno penalizzato e non poco le nostre attività di ristorazione. Più nel particolare teniamo a precisare chela stagione Estiva2012 haregistrato un calo di presenze e consumi che oscillano  dal 30 al 40 per cento. Si precisa che questa replica  si è resa necessaria, per dare risposta a diverse interviste ufficiali nelle quali  veniva  prospettato un incremento delle affluenze, ed addirittura il raddoppio delle presenze sul territorio con conseguenti aumenti d’incassi rispetto alla passata stagione. Abbiamo deciso di farlo solo oggi, 20/09/2012 per due motivi: - uno per avere la certezza di dati a posteriori a stagione quasi conclusa.  Due  - per non avere un ulteriore impatto negativo  mediatico  già  cagionato in piena estate. Il nostro consuntivo è purtroppo anche supportato dai dati nazionali che vedono oltre al  calo generale dei consumi diminuzioni tra il 35 e 40 per cento nella ristorazione su scala nazionale. Nel   comparto Turistico  i dati negativi  trovano una maggiore incidenza nel settore della ristorazione, più del 67% del totale delle cancellazioni dell'aggregato turistico sono da attribuire al nostro settore. Su circa 13.000 attività cessate circa 9000 sono ristoranti. Pertanto invitiamo per il futuro ad essere più cauti nelle esternazioni pubbliche, e con il nostro solito spirito collaborativo, restiamo a disposizione per un confronto istituzionale tra tutte le parti della filiera turistica che sia sereno leale e proficuo anche per programmare un futuro di crescita ed accoglienza “Turistica nel nostro Paese”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©