Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Violenza donne, interrogazione deputati Pd escalation Napoli

Presentata oggi dall'On. Valeria Valente

Violenza donne, interrogazione deputati Pd escalation Napoli
19/06/2013, 17:29

ROMA - E’ stata presentata oggi da Valeria Valente, dalle altre deputate del Pd elette a Napoli Assunta Tartaglione, Luisa Bossa, Roberta Agostini, Giovanna Palma e Michela Rostan e da altri deputati campani che hanno aderito tra cui Massimo Paolucci, Simone Valiante e Massimiliano Manfredi , l’interrogazione al ministro per le Pari Opportunità Josefa Idem sull'escalation di violenze contro le donne verificatesi nelle ultime settimane a Napoli e in Campania.

Oggetto dell’interrogazione la richiesta di informazioni, alla luce dell’urgenza imposta dalla gravità degli episodi verificatisi in Campania, sugli atti che il ministro intende adottare, nell’ambito delle sue competenze e d’intesa con la Regione Campania, al fine di facilitare l’adozione di tutte le  iniziative specificamente volte  a dare piena attuazione alle norme regionali esistenti in materia e cioè la legge regionale n. 1 del 2005 su “Istituzione dei centri e case di accoglienza e assistenza per le donne maltrattate” e la legge regionale n.2 del 2011 recante “Misure di prevenzione e di contrasto alla violenza di genere”.

Le deputate e i deputati campani del Pd, inoltre, chiedono al ministro di comunicare lo stato dell’arte circa l’adozione in Italia del piano nazionale sulla violenza contro le donne e la dotazione dell’apposito fondo finanziario nonché i tempi e le modalità con cui il ministro, assieme agli altri dicasteri a vario titolo interessati tra cui Interno, Sanità e Pubblica Istruzione, intende promuovere gli interventi già preannunciati volti all’attivazione di percorsi formativi finalizzati alla sensibilizzazione degli operatori sanitari ospedalieri e territoriali in favore delle donne vittime di violenza.

I parlamentari campani del Pd, inoltre, chiedono di conoscere la natura e le modalità di realizzazione degli interventi ulteriori destinati alla realizzazione di una campagna informativa specifica che coinvolga regioni, enti locali, associazioni, forze dell’ordine e mezzi di informazione al fine di attivare collegamenti funzionali fra scuole, servizi territoriali, presidi istituzionali e sanitari per realizzare politiche educative sulla relazione fra uomo e donna, sull’educazione all’uguaglianza e sulle pari opportunità.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©