Politica / Politica

Commenta Stampa

Visita di Porfidia alla Caserma "Ezio ANDOLFATO" di Santa Maria Capua Vetere


Visita di Porfidia alla Caserma 'Ezio ANDOLFATO' di Santa Maria Capua Vetere
03/02/2012, 16:02

Nella mattina di oggi, Venerdì 3 febbraio 2012 gli on.li Americo Porfidia e Giovanna Petrenga, entrambi membri permanenti della IV Commissione Difesa della Camera hanno fatto visita alla Caserma “Ezio ANDOLFATO” di Santa Maria Capua Vetere ove dal mese di dicembre 2007 ha sede il Comando Organizzazione Penitenziaria Militare.

Dai 13 luoghi di detenzione attivi in tutt’Italia all’inizio del secolo scorso – per la quasi totalità necessari a soddisfare le esigenze detentive derivanti da tutti i reati correlati alla coscrizione obbligatoria – si è passati all’unica struttura di Santa Maria C.V. che rappresenta oggi una realtà peculiare, anche nell’intero contesto europeo, con compiti e competenze di natura interforze ed interministeriale.

Dal 22 dicembre 2007, in particolare, nella Caserma “Andolfato” si è riconfigurato il Comando Organizzazione Penitenziaria Militare dalla preesistente di Sulmona per assicurare con il dipendente Carcere Militare la detenzione sia dei detenuti militari a disposizione dell’A.G. Militare, sia di quelli appartenenti alle Forze di Polizia che, essenzialmente per ragioni di sicurezza, possono chiedere di essere reclusi presso la struttura penitenziaria militare.

Gli onorevoli Porfidia e Petrenga ringraziano sentitamente il Com. D’Ambrosio Raffaele per la cordialità e l’alto profilo professionale con cui sono stati ricevuti nella struttura. La grande efficienza del complesso rappresenta come anche in situazioni di ristrettezze economiche sia possibile mantenere un alto livello di professionalità grazie all’efficacia del comando e all’abnegazione del personale in servizio. Questo binomio rende così possibile il mantenimento di una struttura unica nel suo genere in Italia e modello di efficacia e dedizione al lavoro nel rispetto delle regole e della dignità del personale ristretto.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©