Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Viterbo, CasaPound Italia: "querele a chi infanga pretestuosamente il nostro nome"


Viterbo, CasaPound Italia: 'querele a chi infanga pretestuosamente il nostro nome'
05/07/2011, 12:07

‘’Dal satanismo alle risse fuori dai locali notturni, dall’assegnazione di case alle aggressioni, ora addirittura le rapine: ogni occasione è buona per tirare in ballo, senza prove, ma anche senza il minimo indizio, CasaPound Italia. La nostra associazione sembra essere diventata l’unica chiave di volta per tutto quello che non va. Riteniamo sia il modo per infangare pretestuosamente il nome dell’unico movimento che nel nostro paese agisce nel sociale e lo fa in piena autonomia, senza essere legato a mafie culturali o a consorterie massoniche’’. Lo afferma il presidente di Cpi, Gianluca Iannone, in relazione ad alcuni articoli usciti sulla stampa locale del viterbese.

‘’Molta stampa, più o meno autorevole, con la falsa certezza dell’impunità, si sente libera di fare illazioni, accostamenti suggestionanti, quando non vere e proprie diffamazioni – aggiunge Iannone -, nella tranquillità che non arriveranno le telefonate scomode di investitori pubblicitari o le pressioni di padrini politici, ma anzi con la consapevolezza che saranno gradite a chi con un movimento che nasce e vive solo per fare politica e non per fare affari deve fare i conti tutti i giorni. Quello del capro espiatorio, però, è un ruolo che non ci si addice. CasaPound Italia non consentirà che il suo nome venga messo vigliaccamente in mezzo a questioni che non fanno parte delle nostre attività ed è pronta a querelare chiunque lo associ a fatti di cronaca che con il nostro movimento non c’entrano nulla’’.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©