Politica / Napoli

Commenta Stampa

Vomero, strade ridotte a budelli dal parcheggio indiscriminato


Vomero, strade ridotte a budelli dal parcheggio indiscriminato
23/04/2012, 17:04

“ La permanenza dei gravi problemi di traffico al Vomero, più volte evidenziati e che si accentuano nei fine settimana, vede tra le principali cause l’inciviltà di molti automobilisti che lasciano la loro autovettura ferma in seconda ed anche in terza fila, sovente parcheggiata anche dinanzi agli scivoli per i diversamente abili e sulle strisce pedonali “ stigmatizza Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che ha realizzato un dossier fotografico che mette in evidenza il grave fenomeno piuttosto diffuso nel quartiere collinare .

“ Tra le principali arterie che sono aggetto di questa pessima abitudine da parte di automobilisti e motociclisti – puntualizza Capodanno - ci sono via Cimarosa, nel tratto tra via Kerbaker e via Bernini ( foto allegata ) e via Luca Giordano nel tratto tra la stessa via Cimarosa e via Scarlatti, strade a senso unico che vengono ridotte a veri e propri budelli dove le autovetture ed i mezzi pesanti possono transitare, con non poca difficoltà, unicamente in fila indiana “.

“ Le responsabilità, a mio avviso, risiedono anche in un’inadeguata organizzazione dei vigili urbani in servizio presso la locale unità operativa – afferma Capodanno -. Infatti mentre i caschi bianchi sono presenti ed in gran numero in piazza Vanvitelli o nelle isole pedonali di via Scarlatti e via Luca Giordano, in altre strade del quartiere la loro presenza fisica è inesistente o al più sporadica, la qual cosa garantisce agli automobilisti indisciplinati la più totale impunità di fronte a palesi infrazioni al codice della strada che, peraltro, contribuiscono non solo a bloccare il traffico veicolare ma anche a peggiorare la qualità dell’aria per gli evidenti effetti sull’inquinamento ambientale “.

“ L’attuale situazione – aggiunge Capodanno – è ancor più intollerabile in quanto il locale comando dei vigili urbani ha la disponibilità di autovetture di servizio che dovrebbero consentire di tenere sotto controllo costantemente tutte le arterie di un quartiere che ha un’estensione di appena due chilometri quadrati, laddove è evidente e documentabile che, a parte i presidi già indicati, ci sono strade del Vomero dove i vigili urbani rappresentano una vera e propria chimera “.


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©