Politica / Napoli

Commenta Stampa

Vomero, subito la potatura dei platani


Vomero, subito la potatura dei platani
23/01/2012, 10:01

Un pressante appello parte dalla collina del Vomero all’amministrazione comunale. “ Nonostante l’inverno sia oramai inoltrato non è ancora iniziata l’operazione di potatura degli alberi nelle strade del quartiere - afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari -. Un’operazione che va eseguita proprio nel periodo invernale, prima che comincino a fioriere le gemme e che spuntino nuovi rametti, anche per riequilibrare alberi sbilanciati o che oscillano molto in caso di vento forte con il rischio che si schiantino “. In questi casi si procede ad alleggerire la chioma dal lato dove l’albero pende e, se oscilla molto, esso viene anche ridotto in altezza.



“ I rami di alcuni platani secolari, molti dei quali da tempo privi della necessaria potatura, arrivano oramai, in alcuni casi, fino al quarto piano degli edifici e, attraverso finestre e balconi, si spingono verso le abitazioni – continua Capodanno -, costringendo i residenti a non aprire gli infissi durante l’estate. Senza considerare che molte di queste essenze, attaccate da malattie quali il cancro rosa o afflitte dalle “ cimici del platano “ sono state eliminate o sono cadute. Una situazione che andrebbe monitorata, effettuando anche gli interventi che si rendessero necessari “.



“ L’approssimarsi della primavera, laddove non si provvedesse per tempo, non potrà che aggravare questo stato di cose, riproponendo le stesse situazioni che si sono verificate in passato – conclude Capodanno -. Già negli anni scorsi pioggia e vento hanno abbattuto decine d’alberi malati, laddove altri sono stati tagliati in quanto minacciavano di cadere da un momento all’altro. Occorre un intervento immediato ed urgente teso a scongiurare che queste situazioni si ripetano, sia attraverso un’opportuna potatura sia prestando le necessarie cure alle piante che risultassero affette da patologie “.



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©