Politica / Napoli

Commenta Stampa

Vomero: una nuova invasione di manufatti pubblicitari


Vomero: una nuova invasione di manufatti pubblicitari
03/11/2011, 17:11

“ Dopo le paline di varie forme e dimensioni, i tabelloni maxi e mini, ed i manufatti a forma cilindrica, adesso arrivano i prismi – esordisce Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari e fondatore del movimento RAP, di resistenza contro l’aggressione pubblicitaria -. E proprio così, al Vomero in questi giorni sono comparsi lungo le strade e nelle piazze, nelle aree pedonalizzate, prismi a base quadrata che consentono di inserire anche più di una pubblicità per ciascuna delle quattro facce ( foto allegate ) “.

“ Basta! Non ne possiamo più – continua Capodanno -, chiediamo non solo il rispetto delle norme e dei regolamenti, ma anche di porre un freno a questo vero e proprio inquinamento pubblicitario. Nei mesi scorsi abbiamo condotto uno studio su alcune strade del Vomero con risultati davvero eclatanti. Per esemplificare, in via Luca Giordano, nel tratto di poche centinaia di metri tra via Scarlatti e piazza degli Artisti, si contano circa 50 manufatti pubblicitari. Tale densità si riscontra in numerose strade del quartiere collinare “.

“ Oltre all’inquinamento atmosferico, determinato dal traffico veicolare, e a quello l’inquinamento acustico – prosegue Capodanno - , al Vomero esiste anche l’inquinamento pubblicitario, che si va diffondendo infestando rapidamente ogni strada e piazza del territorio. L'inquinamento pubblicitario è particolarmente subdolo perché crea con la sua diffusione graduale una sorta di desensibilizzazione nelle persone. In questo modo si perde anche la facoltà di indignarsi e progressivamente si viene spinti a pensare che sia "normale così". Alla fine non ci si fa neppure più caso “.

Capodanno sulla vicenda chiede l’immediato intervento del sindaco e dell’assessore al decoro urbano, perché vengano adottate tutte le misure necessarie per contenere la pubblicità stradale in limiti accettabili, evitando gli eccessi che si stano verificando al Vomero.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©