Politica / Regione

Commenta Stampa

Voto estero: Acli, seggi elettorali nelle sedi istituzionali. Subito elezioni comites e cgie


Voto estero: Acli, seggi elettorali nelle sedi istituzionali. Subito elezioni comites e cgie
15/03/2010, 17:03

Abolire il voto per corrispondenza degli italiani all'estero organizzando i seggi elettorali nelle sedi istituzionali (ambasciate, consolati, comites, istituti di cultura). E' la proposta della Fai, la Federazione delle Acli Internazionali, che in un documento approvato dall'ultima assemblea chiede contestualmente «l'immediata indizione delle elezioni dei Comites e del Cgie», i cui organi sono scaduti da oltre un anno. Sarebbe, affermano le Acli, «una risposta immediata e doverosa al malessere degli italiani nel mondo», provocato da ultimo dalle vicende giudiziarie che hanno visto coinvolto tra gli altri l'ex senatore eletto all'estero Nicola Di Girolamo.

La rete delle Acli all'estero tocca 18 Paesi, dall'Europa al continente americano, dal Sudafrica all'Australia. «Le ultime vicende di cronaca - si legge nel documento - hanno prodotto smarrimento, delusione e forte preoccupazione nelle comunità italiane nel mondo. Il rischio è quello di vedere crescere, anche in questo caso, la sfiducia nei confronti delle istituzioni e della democrazia».

Da oltre un anno sono scaduti gli organi di rappresentanza dei Comites e del Cgie (il Consiglio generale degli italiani all'estero). Le elezioni sono continuamente rinviate in attesa che termini il percorso parlamentare in atto al Senato sulla bozza di riforma di questi istituti. Una riforma - denunciano le Acli - che finirebbe per escludere proprio le associazioni dalle forme istituzionali di rappresentanza. Di qui la richiesta di indire immediatamente le elezioni di Comites e Cgie, per «ricucire e tessere i legami nelle nostre comunità all'estero», «favorendo la formazione di liste civiche che vedano protagoniste la società civile e il mondo associativo», chiedendo per l'occasione «un passo indietro ai partiti».

Nello stesso tempo è «urgente» riformare le modalità di elezione della rappresentanza parlamentare. Per la rete delle Acli internazionali è necessario innanzitutto «aggiornare le procedure di iscrizione e di cancellazione all'Aire», l'anagrafe degli italiani all'estero. Quindi «organizzare i seggi elettorali presso sedi istituzionali italiane», come le ambasciate, i consolati, gli istituti di cultura, gli stessi Comites. In vista poi del più complesso processo di riforma del sistema istituzionale italiano, con la prevedibile fine del bicameralismo perfetto e la possibile istituzione del Senato delle Regioni e delle Autonomie locali, «anche la rappresentanza italiana nel mondo dovrà confrontarsi con questo diverso scenario istituzionale».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©