Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Vuoto indietro diventa proposta di legge, Vedova soddisfatto


Vuoto indietro diventa proposta di legge, Vedova soddisfatto
03/12/2009, 16:12


ROMA - "Una buona strategia che permette di rispettare l'ambiente, produrre meno rifiuti ed emissioni di C02". Alberto Maria Vedova, responsabile per l'Ambiente dell'Italia dei Diritti ha commentato così "Vuoto Indietro", la proposta di legge presentata ufficialmente ieri alla Camera, firmata dall'Onorevole Antonio Mazzocchi, Questore della Camera dei Deputati, e dall'Onorevole Fabio Gava, membro della X° Commissione Attività Produttive, Commercio e Turismo. La proposta di legge, promossa da Italgrob - Federazione Italiana Grossisti e Distributori di Bevande, intende promuovere e stimolare il ritorno volontario all'utilizzo di contenitori in vetro "a rendere" mediante l'istituzione di vere e proprie filiere di recupero degli imballaggi, la creazione di sistemi di cauzioni più moderni, ma soprattutto l'incentivo, per i soggetti aderenti, di sgravi fiscali sulla Tarsu e dilazioni di pagamento dell'IVA. Per arrivare alla proposta di legge sono serviti tre anni di trattative e analisi che hanno visto la stretta collaborazione di realtà come Fipe-Confcommercio, Legambiente, Sanpellegrino, Peroni, Pago, Savno, gestore dei servizi di igiene ambientale nel trevigiano, riuniti nel Comitato Vetro Indietro e coadiuvati dal supporto scientifico dell'Università Ca' Foscari di Venezia. "L'Italia dei Diritti - ha continuato il responsabile del movimento che fa capo ad Antonello De Pierro - appoggia sempre queste iniziative che possono permettere al nostro Paese di mettersi al passo degli altri Stati europei. Il riciclo e il riutilizzo sono pratiche sostenibili, le uniche in grado di garantire il rispetto ambientale".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©