Politica / Regione

Commenta Stampa

Welfare, ass. Ermanno Russo: Accolto l'appello dei vescovi


Welfare, ass. Ermanno Russo: Accolto l'appello dei vescovi
04/02/2011, 10:02

“L'opposizione in Consiglio regionale può stare serena perché nessun appello è caduto nel vuoto né la Regione ha mai sottovalutato in questi mesi il rischio di sospensione dei servizi socio assistenziali, per il cui prosieguo sono stati predisposti tutti gli atti amministrativi necessari. La vertenza in termini di assistenza sociale che sta interessando in questi giorni la città di Napoli attiene, giovi ricordarlo, al solo Comune capoluogo, che presenta delle incongruenze palesi nella gestione contabile delle politiche sociali degli ultimi anni. Altra cosa sono i servizi svolti dal Terzo Settore per conto delle Asl, che afferiscono ad una materia diversa da quella sociale, riguardano cioè le Aziende sanitarie locali”. A dichiararlo è Ermanno Russo, assessore regionale all'Assistenza sociale.
“La Giunta regionale, con in testa il presidente Stefano Caldoro, ha prontamente accolto – ricorda l'esponente Pdl – l'appello dei vescovi della Campania a tenere nella giusta considerazione la vertenza degli operatori del welfare. La Regione sta già lavorando ad una soluzione tecnica per il Comune di Napoli, che rappresenta la vera criticità del sistema regionale dei servizi alla persona. La vicenda è in via di risoluzione, gli apparati amministrativi dei due Enti sono in queste ore seduti intorno al tavolo per individuare una via di uscita tecnico-finanziaria. Ciò deve rassicurare gli operatori. La Regione è in campo con le migliori energie per superare l'empasse burocratico e ridare serenità al settore”.
Di qui l'assessore Russo conclude: “Occorre però distinguere e non incorrere nell'errore o, peggio ancora, nella tentazione di generalizzare, giacché la giunta Caldoro è la prima ad avere a cuore le sorti del welfare ed è stata la prima ad attivarsi, mettendo in campo tutte le procedure previste dalla legge e giuridicamente legittime, per risolvere un'emergenza che non nasce certo oggi”.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©