Politica / Regione

Commenta Stampa

Si attendono ancora risposte positive e concrete

Welfare: prosegue la vertenza degli operatori sociali


.

Welfare: prosegue la vertenza degli operatori sociali
14/02/2011, 16:02

NAPOLI – Dopo mesi di mobilitazioni, la vertenza degli operatori sociali non presenta alcun risultato di rilievo. In relazione a questo, i rappresentanti delle oltre duecento organizzazioni riunite nel comitato, “Il Welfare non è un lusso”, hanno così deciso di proseguire nella loro protesta. Intanto, annunciata la fine dell’occupazione del Maschio Angioino, presidiato dal 20 gennaio scorso. Ancora in atto, invece, quella dell’ex ospedale psichiatrico, Leonardo Bianchi. Si attendono poi risposte positive e concrete, alla tanto proclamata operazione di cessione del credito, che avrebbe dovuto portare circa 34 milioni di euro, arrivati però solo in minima parte.
“Il Comune di Napoli - spiega il portavoce del comitato, Sergio D’Angelo - pur sostenendo in più di un’occasione di voler risolvere un problema che si è fatto drammatico per le organizzazioni del terzo settore, mostra di non avere né più tempo né più mezzi per poter arrivare a una soluzione concreta della vertenza. In tutta probabilità l’amministrazione cittadina non dispone nemmeno della necessaria autorevolezza per continuare a governare”.
Il comitato, chiede al Prefetto di Napoli, di farsi interprete con il governo centrale sulla situazione di crisi e denunciare i tagli alla spesa sociale. Lanciato infine un appello alle banche, affinché le operazioni finanziarie non siano più mediate dal Comune. In programma a marzo, nella capitale, una manifestazione nazionale per chiedere nuovi investimenti.

Commenta Stampa
di Dario Palladino
Riproduzione riservata ©