Politica / Regione

Commenta Stampa

WWF Campania: "auguri al nuovo sindaco di Napoli"


WWF Campania: 'auguri al nuovo sindaco di Napoli'
02/06/2011, 10:06

Il WWF augura buon lavoro al neosindaco di Napoli, Luigi De Magistris, e subito chiede di dimostrare politicamente al presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, che con la raccolta differenziata, con il metodo cosiddetto del “porta a porta” si può risolvere definitivamente il problema dei rifiuti e si può anche fare a meno dell’inceneritore previsto a Napoli est.

La differenziata “porta a porta” a Napoli è già partita solo su una zona della città (poco più di 100.000 abitanti). In quei quartieri si è sfiorato anche il 90% di raccolta differenziata e realmente avviata a riciclaggio della materia, con ingenti introiti economici per il comune. ORA SI TRATTA SOLO DI ESTENDERE A TUTTA LA CITTA’ DI NAPOLI LA RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA.

In questi ultimi anni è mancata una reale volontà di affrontare un problema complesso,- dichiara -Alessandro Gatto presidente regionale del WWF Campania- non sono stati fatti interventi per rispettare le normative che prevedono la riduzione dei rifiuti e la priorità alla differenziata, il controllo delle fonti di inquinamento, né si sono ascoltate le diverse proposte di soluzione per la gestione dei materiali.

La realtà è infatti che in questo momento la Commissione europea denuncia il rischio di inadeguatezza dei piani presentati dalle autorità italiane e prevede di bloccare i fondi per la Campania, nonché presentare nuova procedura di infrazione!

Il WWF chiede di garantire subito: l’urgente apertura degli impianti di compostaggio in Campania ed uno a Napoli tarato per l’intero fabbisogno della città, la strutturazione di una completa filiera di impianti di recupero e riciclo dei materiali di scarto, provenienti dai rifiuti  l’ampliamento della raccolta Porta a Porta a Napoli, permettendo subito l’uso dei fondi destinati, pari a ca. 8 ml. di euro   le bonifiche dei territori devastati

“In questi due anni ci si è affidati solo ai grandi “buchi”: LE MALEDETTE DISCARICHE, senza avviare, nel contempo, tutte queste azioni che avrebbero scongiurato i nuovi e prevedibili disastri periodici.- aggiunge Ornella Capezzuto responsabile WWF Napoli- nulla è stato fatto, fino ad oggi, per assicurare una gestione dei rifiuti corretta e sostenibile, a danno dei cittadini che oggi vengono usati come capro espiatorio di una situazione che rischia di sfuggire di mano.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©