Politica / Parlamento

Commenta Stampa

"Può diventare un modello", afferma il Ministro

Zaia commenta l'esperimento del primo ospedale a "kilometri zero"


Zaia commenta l'esperimento del primo ospedale a 'kilometri zero'
04/12/2009, 13:12

“L’esperienza messa in campo dall’ospedale di Adria con la fornitura di prodotti dell’agricoltura del territorio rappresenta una scelta strategica per ridurre i costi e premiare il lavoro dei nostri agricoltori. Un’iniziativa che può diventare modello di riferimento per altre realtà del nostro Paese, dove ogni territorio sa esprimere tipicità e qualità ”.
Così il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Luca Zaia commenta il progetto innovativo dell’Ulss 19 di Adria, in provincia di Rovigo, che prevede che la fornitura della mensa ospedaliera venga realizzata con i prodotti delle aziende agricole locali. Un operazione che è valsa all’azienda sanitaria l’assegnazione della targa ‘km zero’.
“Un’iniziativa realizzata per la prima volta in Veneto, ma che è già stata sperimentata in Piemonte all’ospedale di Asti. Con questa scelta viene tutelata anche la salute dei cittadini, perché con la filiera a ‘km zero’ sappiamo da dove arrivano i nostri prodotti e l’iniziativa presenta un ulteriore valore aggiunto perché può ridurre notevolmente i costi. Vorrei ricordare che per ogni caloria consumata ne corrispondono 7 spese per il trasporto del cibo”.
“Una scelta che trova la nostra piena condivisione – spiega Zaia – questo è un modello che contiene alcuni principi guida della nostra azione di governo come l’attenzione per i prodotti di stagione e di prossimità e l’importanza della sicurezza alimentare.”
“I miei complimenti – continua il Ministro – vanno anche agli attori che hanno messo in piedi questo progetto, che afferma ancora una volta la centralità dell’agricoltura dei territori in un Paese leader per i prodotti riconosciuti e per una regione, come il Veneto, da sempre vocata ad un’agricoltura di eccellenza”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©