Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Zaia contro il codice stradale: "Due bicchieri di vino non ubriacano"


Zaia contro il codice stradale: 'Due bicchieri di vino non ubriacano'
01/09/2009, 09:09

Si vede che questa estate di esternazioni leghiste, tra il folle e lo sciocco, deve ancora finire. E ieri è toccato al Ministro dell'Agricoltura Luca Zaia, che parlando ad un giornalista dela rivista Quattroruote ha detto: "Bisogna finirla di considerare ubriaco chi beve due bicchieri: è in atto una criminalizzazione del vino che non ha senso alcuno e che sta uccidendo uno dei comparti più pregiati del made in Italy. Il limite attuale, 0,5 grammi di alcol per litro di sangue, è ragionevole e stradigerito dall'opinione pubblica, entro questi livelli si è sobri e perfettamente in grado di guidare. Corrisponde a due bicchieri di un vino che abbia non più di 11 gradi, diciamo uno spumante o un rosso non strutturato".
Peccato che il Ministro Zaia dimentica come l'ebbrezza (che viene punita dal Codice della Strada e che è cosa diversa dall'ubriachezza) insieme all'alta velocità e alle droghe sia tra le prime cause di incidenti stradali in Italia. Bel modo di tutelare la salute dei cittadini!

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©