Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Solidarietà da tutto il mondo politico

Zampa di capra, pacco intimidatorio per la Brambilla


Zampa di capra, pacco intimidatorio per la Brambilla
12/11/2010, 18:11

ROMA – Un pacco contenente una zampa di capra mozzata ed indirizzato al ministro del Turismo Maria Vittoria Brambilla è stato rinvenuto oggi presso il centro smistamento dell’ aeroporto di Fiumicino. Secondo gli inquirenti, potrebbe trattarsi di un atto intimidatorio seguito alle dure posizioni prese dal Ministro in merito alla caccia e allo sfruttamento di animali. “Quanto accaduto oggi, oltre alle minacce, agli insulti e agli atti intimidatori subiti in precedenza, non fa che certificare in maniera inequivocabile la necessita' di proseguire con la battaglia di civilta' di cui mi sono fatta interprete, a nome di tantissimi italiani e unitamente ad importanti personalita'del mondo della scienza, della cultura, dell'arte e dell'intera societa'” – ha dichiarato la Brambilla subito dopo aver saputo del “pacco” – “per la nascita di una nuova coscienza di amore e di rispetto per gli animali ed i loro diritti".
Pronta la reazione del mondo politico: la prima ad esprimere solidarietà per l’accaduto è stato il Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo. “Le convinzioni animaliste di Michela Vittoria Brambilla possono essere condivise o contestate ma sempre entro l'ambito del civile confronto delle opinioni “ – ha aggiunto –“Parole e gesti di intolleranza contro chi la pensa diversamente, sempre piu' frequenti nel nostro paese in questo periodo, sono inaccettabili e devono preoccupare chi ha a cuore la democrazia in Italia''. Dello stesso avviso, anche il Ministro degli Esteri Franco Frattini, che ha ribadito l’impegno del Governo nel lavorare per proteggere gli animali da ogni forma di sopruso: “Non ci faremo certo intimidire da questi atti che offendono gli italiani e che al contrario spronano ancor piu' la nostra azione di rispetto e protezione per i diritti degli animali'', ha concluso Frattini.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©