Politica / Regione

Commenta Stampa

Presenti anche Landolfi,Nugnes e Sagliocco

Zinzi,Caldoro,Bocchino e la folla straripante del Vanvitelli


Zinzi,Caldoro,Bocchino e la folla straripante del Vanvitelli
14/03/2010, 12:03

CASERTA - L'incontro tra il candidato governatore della Regione Campania Stafano Caldoro, il candidato presidente alla Provincia di Caserta Domenico Zinzi ed il vicecapogruppo alla Camera del Pdl Italo Bocchino si è realizzato alla presenza di una folla straripante.
La copiosa presenza di pubblico ha quasi fatto sembrare rimpicciolito il maestoso Grand Hotel Vanvitelli di San Marco Evangelista; scelto come luogo per il meeting dei "campioni" del centrodestra Campano. Per l'occasione, sono intervenuti infatti anche i due candidati al consiglio regionale della Campania per il Popolo delle libertà Daniela Nugnes e Giuseppe Sagliocco ed il deputato del Pdl Mario Landolfi. La fiducia che terra di lavoro in particolare sembra riporre in quella che con molta probabilità sarà la nuova classe dirigente appare enorme; quasi incondizionata. Lo avertono i candidati, se ne rende conto anche il centrosinistra; lo ribadisce con il primo intervento della serata lo stesso Italo Bocchino:"Le candidature di Caldoro e Zinzi possono senza alcun dubbio rappresentare il punto di svolta per la nostra terra ed il modo più rapido per cacciare via a calci nel sedere ogni infiltrazione camorristica presente nei palazzi del governo".
"Non accetteremo zone grigie - prosegue poi il vicecapogruppo - ed è per questo che dobbiamo sostenere fino in fondo le candidature alla Regione ed alla Provincia di Caserta che negli ultimi anni è stata male amministrata dal centrosinistra. Per non parlare, poi, dei disastri combinati dal Bassolino e dai suoi uomini a livello regionale. Le vittorie di Zinzi e Caldoro garantiranno un'immediata inversione di tendenza".
Subito dopo Bocchino il microfono è passato a Stefano Caldoro:"Vorrei iniziare con il chiarire subito alcuni punti della nostra campagna elettorale - ha dichiarato il candidato governatore - ribadendo che, se la nostra coalizione dovrà gestire come io mi auguro la regione, noi ci impegneremo a realizzare l'areoporto di Grazzanise". Con riferimento al centrosinistra Caldoro ha poi osservato:"Ma è possibile che si debba accettare uno scontro politico basato su noi che lavoriamo per ed i nostri avversari che sanno solo dire di no ed agire contro?". Riguardo il territorio casertano in particolare, poi, l'ex ministro ha detto che:"Questa terra ha dato tanto alla nostra regione, molte più di altre...ma ha dovuto subire la cattiva politica del'ammistrazione bassoliniana. Un amministrazione che - ricorda Caldoro in chiusura di discorso - sarà punita dal risultato elettorale"
Per l'on. Domenico Zinzi:"E' arrivato il momento della grande armonia. Con il centrodestra in Campania siamo insieme da quindici anni e rappresentiamo un laboratorio politico che dovrebbe essere esteso in tutta Italia".
"Ai nostri avversari saltano i nervi quando ricordiamo loro che, a seguito del disastro dei rifiuti, ci hanno umiliato in tutto il mondo - 
ricorda ancora Zinzi - facendoci finire sulla prima pagina del New York Times. Sull'ambiente, poi, il Pd non può dire una sola parola; dal momento che per dieci anni ha provocato solo enormi disastri".

In mattinata Zinzi ha fatto visita a Federfarma. Successivamente ha preso parte ad un convegno organizzato dall’associazione ambientalista “Fareambiente”. Nel pomeriggio un incontro elettorale con Mario Landolfi e Angelo Polverino, un altro appuntamento a Caserta prima di proseguire il tour elettorale con le tappe di Aversa e Mondragone.


Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©