Politica / Regione

Commenta Stampa

L'Editoriale

Zio Ciriaco ri-raccomanda il nipote bocciato all'esame


Zio Ciriaco ri-raccomanda il nipote bocciato all'esame
03/11/2011, 09:11

NAPOLI - Diplomazia allo stato puro quella di Stefano Caldoro. Il governatore ha trovato una linea comune con il suo vice Giuseppe De Mita, che certo non brilla a scaltrezza, limitandosi a fare l'aeroplanino a gida remota. Il rampollo della nobile casata non gode della stima dei cittadini, stando ai risultati dei nostri sondaggi, il suo impegno è definito "scarso". In effetti in questo caso specifico, il numero uno di palazzo S. Lucia ha solo cercato di cementare il rapporto con l'Udc, già compromesso in altre sedi istituzionali. E se pure le richieste del giovane assessore sembrano essere solo il pretesto per valutare il peso specifico di un partito che in Campania vede De Mita senior come factotum di scelte fatte passare per condivise, le distanze innescate da posizioni opposte hanno ben rimarcato il lato politico dal quale pendono le richieste di poltrone. A questo punto, e vista l'inesperienza del personaggio per il quale anche le dimissioni furono un atto telefonato, sarebbe molto più intuitivo se il buon Caldoro portasse in giunta direttamente l'ex presidente della DC, più che scendere a patti con la sua interfaccia. 

Commenta Stampa
di Coscienza
Riproduzione riservata ©