Politica / Politica

Commenta Stampa

Negozi chiusi per chiedere la sospensione del dispositivo

Ztl, la carica dei mille per dire: "No"

Stasera incontro con il sindaco De Magistris

.

Ztl, la carica dei mille per dire: 'No'
23/04/2012, 15:04

NAPOLI - Chi si è recato questa mattina in zona Santa Lucia e lungomare di Napoli, si è trovato davanti questo scenario: strade deserte, pochissime auto e solo qualche pedone. Ma, soprattutto, negozi chiusi con un cartello affisso all’entrata che spiega i motivi della serrata rigorosamente organizzata per protestare contro la Ztl su via Caracciolo e via Partenope compresa la zona della Riviera ed il quartiere di Chiaia. Da un mese oramai, i commercianti lamentano un calo precipitoso delle vendite dovuto al dispositivo del traffico che da straordinario dovrebbe diventare ordinario, come già annunciato più volte dal sindaco De Magistris. Gli esercenti hanno lasciato chiuse le loro attività e si sono dati appuntamento al Borgo Marinari, dove hanno stilato un documento che sottoporranno in serata al sindaco per chiedergli di sospendere la Ztl dopo il 25 aprile, così come aveva annunciato all’entrata in vigore del dispositivo. Il documento è stato sottoscritto da circa mille tra esercenti e residenti. La serrata dei commericanti si è protratta per tutta la mattinata. Un gesto che il primo cittadino ha giudicato "un errore", aggiungendo che "non fa bene a nessuno e che non è il metodo migliore per dialogare con questa amministrazione". Dal lungomare al cuore del quartiere: si protesta anche qui. Continuano ad esporre i cartelli con su scritto “Stop alla Ztl”, infatti, i negozianti di via San Pasquale. Che lamentano soprattutto la carenza di strutture di supporto alla zona a traffico limitato, come parcheggi e navette. "Sul lungomare 'liberato' non si discute - ha detto - la ztl é una cosa diversa e su questa interverremo con modifiche che terranno conto di cantieri, orari, parcheggi e delle proposte che arriveranno dai commercianti, con i quali avrò un incontro questa sera".

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©