Politica / Napoli

Commenta Stampa

Zuccaro: “La storia non si ripete”


Zuccaro: “La storia non si ripete”
28/09/2011, 15:09

“Caro direttore, Occorreva l’avvento di un riformista, perbene, e deciso per interrompere un ciclo di “ gestione” del potere politico da parte della “De mita family”. Ebbene si, come abbiamo letto lo strappo tra Caldoro ed il suo vice De mita( il piccolo) si è concluso con le dimissioni di quest’ultimo a seguito delle nomine dei dirigenti delle ASL campane. Nomine tra l’altro da tutti riconosciute di alto spessore e capacità che però bnon rispondevano molto probabilmente alla logica demitiana. Occorre si da subito ribadire come il presidente Caldoro da sempre opera nel senso di un intesa ampia rispetto alle scelte da attuare, ma (finalmente) agisce secondo le proprie convinzioni e,soprattutto rispettando quel documento programmatico sul quale ha chiesto ed ottenuto la fiducia dei campani.
Ed è forse questa pervicacie volontà di non tradire il patto con gli elettori che non va giù ad un certa politica, ormai superata dalla stanchezza e dalla sofferenze della cittadinanza.
In questa direzione non può che far gioire la scelta del presidente Caldoro di essere obiettivo e coerente con il programma elettorale che sottopose ai campani. Quel programma nel quale si ribadiva da subito la necessita di riportare la politica tra la gente e per la gente,di smetterla con i giochi di potere e di gestione della cosa pubblica ad unico vantaggio di pochi, e di operare scelte di qualità al di la delle mere appartenenze. Certo, criterio copernicano rispetto a quello che ha distinto la campania negli ultimi decenni! De mita non decide più le sorti “ sanitarie” della nostra regione, o per lo meno di fronte (finalmente) ha trovato chi - forte delle sue idee e della sua onestà personale ed intellettuale- non si piega a sterili giochi di palazzo e di conta in aula. La strada è ancora lunga, ma giusta è la direzione intrapresa.”. Così l’avv. Maurizio Zuccaro, Presidente dell’associazione Liberi cittadini di palazzo san Giacomo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©