Provincia / Caserta

Commenta Stampa

E’ il patron della Paper Divipac di San Nicola la Strada

A Di Leva il premio “Campania al Lavoro 2013” - video

Cerimonia con Nappi, Del Gaudio ed i vertici dell’Arlas

.

A  Di Leva il premio “Campania al Lavoro 2013” - video
24/09/2013, 13:35

CASERTA - E’ Vincenzo Di Leva, patron della Paper Divipac srl il vincitore del premio “Campania al Lavoro 2013”, istituito dall’Arlas, ovvero l’Agenzia per il Lavoro e l’Istruzione della Regione Campania. La premiazione è avvenuta nel corso di una cerimonia, ospitata nella sala consiliare del Comune di Caserta, che ha visto la partecipazione, tra gli altri, dei vertici dell’Arlas, ovvero Pasquale D’Acunzi e Patrizia Di Monte, dell’assessore regionale con delega al Lavoro e alla Formazione Severino Nappi e del “padrone di casa”, naturalmente, ovvero il sindaco Pio Del Gaudio. La Paper Divipac, sita in via Appia Antica a San Nicola la Strada, è un’impresa industriale che opera dal 1989 nel comparto “tissue” del settore della carta, producendo, nel proprio stabilimento di oltre 10mila metri quadrati, articoli monouso per impieghi igienici ed alimentari. Sin dalle origini, l’azienda, supportata da accordi di partnership con i propri fornitori, privilegia l’impiego di materie prime riciclate per la produzione di rotoli industriali, rotoli asciugatutto, lenzuolini medici, carta igienica jumbo, asciugamani a foglio e a rotolo, con l’intento di soddisfare bisogni igienici di tipo tradizionale, senza con ciò comprometterne il livello qualitativo e l’efficienza delle funzioni d’uso cui i prodotti realizzati sono destinati. “Insieme ai cittadini – ha spiegato Di Monte - vogliamo dare valore alle buone pratiche e ai talenti dei produttori campani, lavoratori e imprenditori che si impegnano per la crescita e il benessere della nostra regione. La scelta del lavoratore o imprenditore da premiare, uno per provincia, è demandata al Comitato di Indirizzo dell'Arlas che valuta le proposte e le segnalazioni inviate da singoli cittadini, enti, associazioni che, per la loro conoscenza diretta, siano in grado di segnalare personalità del mondo del lavoro ritenute degne del riconoscimento”.

Commenta Stampa
di Emilio di Cioccio
Riproduzione riservata ©