Provincia / Benevento

Commenta Stampa

A Benevento il Festival Ugo Gregoretti


A Benevento il Festival Ugo Gregoretti
04/08/2012, 12:43

BENEVENTO - Si terrà lunedì prossimo alle ore 10,30 presso il Museo del Sannio a Benevento in Piazza Santa Sofia, la conferenza stampa "Pontelandolfo, programmazione culturale 2013", incontro fortemente voluto dal regista Ugo Gregoretti, celebrato nell'omonimo festival che dal 5 al 7 agosto - serata della V edizione del premio "Landolfo d'oro" - animerà le strade di Pontelandolfo. A illustrare le ragioni dl festival e tutte le sue proposte (dalla donazione al borgo sannita dell'intero archivio documentario di Gregoretti al Centro studi che attorno all'archivio si sta realizzando, fino al lancio di Comicron, concorso di cortometraggi comici previsto per l'anno prossimo sempre a Pontelandolfo) saranno, oltre all'amato regista, il giornalista Puccio Corona, presentatore e autore anche della serata del 7 (insieme ad Antonio Maiella), Alfonso Pontillo, giovane regista, collaboratore di Gregoretti ed organizzatore del festival, il sindaco di Pontelandolfo Cosimo Testa, il regista ed autore del volume "Scritti scostumati" (ed.Guida) che raccoglie il meglio dei brani artistici e politici di Gregoretti, Luigi Barletta; modera l'incontro il giornalista Giovanni Chianelli.

Si svolgerà dal 5 al 7 a Pontelandolfo (BN), la prima edizione del Festival Ugo Gregoretti, intitolata al regista che ha donato tutto il suo archivio documentario all’amato paese, che culminerà, il giorno 7, nella quinta edizione del Premio “Landolfo d’Oro – Ugo Gregoretti”. A celebrare il regista 83enne, martedì 7 sul palco di Piazza Roma si succederanno i vincitori del prestigioso riconoscimento: la regista tedesca Margarethe Von Trotta, l’attore Alessio Boni, l’artista beneventano Mimmo Paladino, il decano del giornalismo cinematografico italiano Enrico Rossetti, la stilista Anna Fendi, il presidente della "Federazione Italiana Giuoco Calcio" Giancarlo Abete. Tra i professionisti sanniti, premiati Marino Scherillo, ex presidente associazione Italiana Medici Cardiologi e Andrea Rillo, presidente della L.A.I.F. (Lavorazioni inerti fluviali).

 Il Premio “Landolfo d’Oro – Ugo Gregoretti” è quest’anno ospitato all’interno di un più ampio Festival dedicato allo stesso Gregoretti che animerà le vie di Pontelandolfo con proiezioni e incontri pubblici, con maestri del cinema e giovani autori emergenti.

"Mi divertiva realizzare una manifestazione di un certo valore in un paesino di poche anime quasi sconosciuto", spiega il famoso autore. Il rapporto di Gregoretti con il borgo sannita nasce negli anni '50, dopo l'acquisto, da parte del padre, della torre che dà sulla piazza. Da quel momento Pontelandolfo diventerà sua sede di vacanza e produzione: in seguito, da direttore artistico di 'Benevento Città Spettacolo', consoliderà il feeling con il paese e il territorio.  Il festival rappresenta anche l’anteprima del concorso internazionale del cortometraggio comico “Comicron” lanciato nel corso della manifestazione e al via l'anno prossimo. 

Il programma partirà il giorno 5 agosto e prevede - tra le altre proposte - la proiezione di Omicron, indimenticato capolavoro di Gregoretti, ed Eros e Thanatos, opera prima del giovane regista beneventano Alfonso Pontillo, collaboratore del regista romano e organizzatore della kermesse. Si prosegue il giorno 6 con la proiezione del film per la TV La fuga di Teresa della tedesca Von Trotta, alla presenza della regista, del protagonista Alessio Boni e di Lucio Gregoretti, autore delle musiche.  Sarà poi presentato, in anteprima nazionale, il volume 'Scritti scostumati' (Guida), a cura di Luigi Barletta: sorta di zibaldone gregorettiano, raccolta di brani teatrali, cinematografici, politici, televisivi. Il Festival si conclude il giorno 7 con l’assegnazione dei premi.

 Inoltre - in attesa dell’imminente nascita della Fondazione Ugo Gregoretti, che raccoglierà e valorizzerà il grande archivio del regista romano - verrà presentato durante la giornata del 6 agosto, il Centro Studi Ugo Gregoretti, ospitato presso l'ex palazzo Rinaldi, nel cuore del borgo, sede della nascitura Accademia Nazionale d’Arte Comica.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©