Provincia / Caserta

Commenta Stampa

A Caserta il primo festival della vita


A Caserta il primo festival della vita
29/01/2011, 13:01

Dal 3 al 6 febbraio si terrà a Caserta il primo “Festival della Vita”, promosso dalla Diocesi di Caserta, dal Centro culturale San Paolo Onlus, in collaborazione con l’Ente provinciale per il turismo di Caserta e la Fondazione “Villaggio dei ragazzi” di Maddaloni.
Così Caserta celebra la 33esima Giornata Nazionale della Vita, proclamata dalla Cei per domenica 6 febbraio.
“Educare alla pienezza della vita, sostenendo e facendo crescere, a partire dalle nuove generazioni, una cultura della vita che la accolga e la custodisca dal concepimento al suo termine naturale e che la favorisca sempre, anche quando è debole e bisognosa di aiuto”. Da questo invito, contenuto nel messaggio emanato dal Consiglio Permanente della Cei per la Giornata della Vita 2011, nasce l’iniziativa di Caserta: quattro giorni di convegni, spettacoli, seminari e concerti sul tema della vita, che si intende affrontare con la serietà che gli compete ma anche con la leggerezza che permette un coinvolgimento ampio e gioioso.
Il programma è ricco di eventi gratuiti e rivolti a tutti, per un approfondimento culturale e spirituale di vari aspetti. Esperti prestigiosi, artisti del mondo dello spettacolo e professionisti della salute e della promozione umana offriranno l’opportunità di un approccio multidisciplinare agli aspetti della vita.
Madrina della manifestazione è l’attrice Christiane Filangieri, che parteciperà al “Gran Galà della vita”, l’appuntamento finale di domenica 6 febbraio alle ore 19 al Teatro Don Bosco.
Sarà il vescovo di Caserta, monsignor Pietro Farina, a inaugurare il festival giovedì 3 febbraio alle ore 19 al teatro “Caserta città di pace” della parrocchia Ss. Nome di Maria a Puccianiello.
Tanti gli ospiti di rilievo della manifestazione. Tra loro il cardinale Elio Sgreccia, presidente emerito della Pontifica Accademia Pro Vita, uno dei maggiori esperti di bioetica. A lui, per il suo impegno, sarà consegnato il premio istituito nell’ambito del Festival, che intende dare un riconoscimento a chi si è distinto per la sua attività a difesa della vita.
Particolarmente significativi, inoltre, gli interventi della sorella e della figlia di Santa Gianna Beretta Molla, previsti all’evento di inaugurazione del Festival, per passare all’intervento dell’on. Carlo Casini e della professoressa Paola Mancini rispettivamente Presidente e segretario generale del Movimento per la Vita italiano che interverranno al seminario di studi di sabato 5 febbraio nella Biblioteca del Palazzo vescovile.
Il Festival vanta un’altra importante collaborazione con il Fiuggi Family Festival, che cura la proiezione del film “Bella” (vincitore dell’ultima edizione) prevista per domenica 6 febbraio ore 17 nella Biblioteca del Palazzo vescovile. Domenica 6 febbraio la chiusura della manifestazione con il Gran Galà della Vita al Teatro Don Bosco con madrina Christiane Filangieri.
Il Festival della Vita prevede un ulteriore cartellone di eventi collaterali, che vedranno coinvolte diverse città campane: Casagiove, Teano, Piedimonte Matese, Pompei, Acerra, Fiuggi, Ischia e Nola, dove si svolgeranno altre iniziative.
L’intero programma è consultabile sul sito www.festivaldellavita.it .
L’iniziativa è patrocinata, tra gli altri, dalla Pontificia Accademia Pro Vita, dalla Fondazione Ente dello Spettacolo, dalla Regione Campania, dalla Provincia e dal Comune di Caserta.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©