Provincia / Salerno

Commenta Stampa

A Giffoni si è affrontato il problema della violenza sulle donne


A Giffoni si è affrontato il problema della violenza sulle donne
30/04/2013, 09:35

Dare voce alle donne che subiscono violenza di ogni tipo, spesso in silenzio: da quella sessuale e psicologica allo stalking. E’ questo il tema di “Il Giardino oltre la siepe - Violarti”: la manifestazione a sostegno dell’universo femminile e contro la violenza sulla donna, patrocinata dal Comune di Giffoni Valle Piana e organizzata dall’Associazione “Angelo Azzurro”, che si è tenuta domenica 28 aprile a Giffoni Valle Piana. Nel corso dell’incontro è stato fatto un excursus legislativo dall’avvocato Carlo Duccilli, mentre Rita Mele, assistente sociale responsabile del servizio di educativa domiciliare, ha spiegato alla platea come i servizi sociali possono agire in situazione di violenza e di come riescano ad aiutare concretamente le donne grazie anche al servizio di educativa domiciliare. Una importante testimonianza è stata portata da Linda Candela, assistente sociale, da poco rientrata da alcuni viaggi in Africa e in India dove la situazione femminile è ancora più difficile. All’interno della manifestazione l’associazione Sifu, infine, ha tenuto una lezione dimostrativa di autodifesa personale, la prima di un ciclo di quattro lezioni gratuite che si terranno prossimamente. Il presidente dell’Associazione “Angelo Azzurro”, Norberto Tedesco, attraverso il vicepresidente Giulia Troisi, che ne ha dato lettura, ha spiegato il significato della frase “Il Giardino oltre la siepe”: la siepe spesso rappresenta un ostacolo non ostacolo: una siepe bassa, infatti, è facilmente superabile ma, a volte, la paura ci blocca e ci impedisce di vedere il giardino che c’è al di là, e obiettivo di questo progetto è proprio provare a superare gli ostacoli che non ci permettono di andare oltre. Al dibattito è intervenuto Massimo Santoro, psicologo esperto in psicopatologia clinica e il Sindaco di Giffoni Paolo Russomando.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©